Primo piano: GenCon 2019 - La più famosa convention americana espande i suoi confini

Cari lettori, ci siamo: giovedì primo agosto inizia la 51ma edizione di GenCon, che si protrarrà fino a domenica 4 agosto, con “i migliori quattro giorni di gioco” ™. Anche stavolta ci saremo, seguendo direttamente da Indianapolis l’intera convention che ci regalerà anteprime, interviste, e foto...




Dopo aver segnato nuovi incredibili record nella scorsa edizione (come ad esempio le oltre 61000 presenze), la GenCon torna forse più matura ma sempre piena di sorprese ed eventi per noi appassionati di boardgame e giochi di ruolo, soprattutto per quelli in stile American. Dopo le polemiche degli scorsi mesi dovute al caso di Zak Smith e delle accuse (vere o presunte che siano) di molestie sessuali che gli sono costate l’interdizione da GenCon e l’ostracizzazione anche da parte della Lamentations of the Flame Princess (editore inglese dell’omonimo GdR), si torna a parlare dell’vento ludico statunitense pensando a cose più allegre, e al palinsesto di quest’anno, che è davvero bello pieno di eventi, oltre che di titoli da provare (e da attendere qui dall’altra parte del laghetto, come dicono in UK).

Fa innanzi tutto riflettere la quantità di panel e talk dedicati alla funzione educativa e scolastica dei giochi, oltre che al mondo ludico pensato per i disabili: Gaming in Science Classes, Gaming in School, e persino una conferenza su quali giochi possano giovare in presenza di autismo o di Alzheimer, sono solo alcuni degli eventi che potremo seguire su un mondo che si sta davvero scoprendo solo ora, ma che molti di noi giocatori “navigati” avevano già avuto occasione di scoprire; una serie di iniziative che speriamo vengano riproposte anche nel nostro paese. Non mancherà il classico True Dungeon, un live act che quest’anno introduce la formula “E-series”, con i giocatori che dovranno aprirsi la strada a colpi di spada ed enigmi in tre ambienti diversi per fermare il malvagio di turno.

Segno distintivo dell’appuntamento di quest’anno è la volontà di travalicare i confini di Indianapolis. Per raggiungere questo obiettivo GenCon ha dato vita ai Pop-Up GenCon: una selezione di negozi di giochi che farà vivere (almeno in parte) l’esperienza dei best four days in gaming nei propri punti vendita presentando in anteprima alcuni dei lanci editoriali programmati per questa edizione. Inoltre, ci sarà una forte crescita del palinsesto di programmi che trasmettono su Twitch direttamente dalla fiera e che racconteranno tutte le sfumature dell’evento coinvolgendo ospiti e organizzando partite in diretta per tutti coloro che seguiranno GenCon seduti dal divano di casa propria. Tra questi vanno ricordati i numerosi partecipanti alla GenCan’t, il “raduno” virtuale per chi deve restare a casa e non può godersi le giornate ludiche dell’Indiana.

I giochi, naturalmente, faranno però la parte del leone, e i tavoli per provare nuovi titoli e vecchie glorie saranno davvero tanti. Come ogni anno, cercheremo di segnalare quelli che ci hanno più colpito, ma la lista delle nuove uscite per la GenCon è davvero piuttosto lunga, quindi aspettatevi delle sorprese anche dai nostri reportage (quasi) in diretta. Mentre scriviamo i titoli annunciati sono quasi seicento, e ci aspettiamo aggiornamenti fino quasi all’apertura dei cancelli di giovedì mattina!

Osprey sta facendo sentire sempre più la sua presenza come editore ludico: quest’anno presenta due titoli molto attesi: Jonathan Strange and Mister Norrell, tratto dall’omonimo romanzo e ideato da Marco Maggi e Francesco Nepitello, e il deckbuilder di guerra Undaunted: Normandy. Valanga di tie-in per la The OP, con due versioni “eccellenti” dell’intramontabile Talisman: Talisman Kingdom Hearts, solo in demo, e Talisman Batman SuperVillain Edition, già disponibile; inoltre ci saranno anche Die Hard: The Nakatomi Heist boardgame, Munchkin: Disney Duck Tales, Harry Potter: Death Eaters Rising, IT: Evil Below, e Toy Story: Obstacles and Adventures.

Non mancherà naturalmente Ares Games che, oltre a presentare le versioni retail di Tripods & Triplanes e dell’espansione di Sword & Sorcery Vastaryous’ Lair (con una grande miniatura di drago a cinque teste), porterà tutta una serie di astronavi per Battlestar Galactica, tra cui gli Heavy Raider dei Cyloni i Raptor coloniali, entrambi in diverse configurazioni, e il Viper MkII di Starbuck (o Scorpion, se preferite). Restando in tema tie-in vedremo anche le novità della IDW, con Ghostbusters: Blackout, un gioco cooperativo in cui gli acchiappafantasmi cercano di salvare (indovinate…) New York, e Metal Gear Solid: The Boardgame, trasposizione da tavolo della gettonatissima serie di videogiochi con protagonista Solid Snake; per chi invece non ama gli American, la IDW porterà anche Tonari, un astratto a firma Faidutti e Randolph.

Cool Mini or Not presenterà la demo dell’atteso gioco di carte di God of War, ispirato all’omonima serie videoludica, e porterà Zombicide: Invader e Foodies in versione retail. Ma il tavolo più interessante dello stand CMON sarà senz’altro quello che sfoggerà Teburu: la nuova piattaforma elettronica che punta a rivoluzionare le esperienze di gioco cosi come le conosciamo oggi.
Tre demo, invece, per la nostrana Cranio Creations: oltre a Barrage, che pare stia avendo più di qualche intoppo nella consegna ai backer, potremo giocare anche a Masters of Reinassance, il gioco di carte tratto da Lorenzo il Magnifico, e Mystery House: Adventure in a Box, una escape room da tavolo con una forte componente tattile con due scenari inclusi. Restiamo in Italia con dV Giochi, che presenterà Undead or Alive, un’espansione a tema zombi per il gioco di dadi di Bang!, e un’altra puntata di Deckscape dal sapore egizio, intitolata The Curse of the Sphinx. Sempre dal Bel Paese, Horrible Games presenta i suoi tre nuovi giochi: Similo, un titolo di carte deduttivo; The King’s Dilemma, un gioco di comitato con traditore nascosto; e il tanto atteso Vampire The Masquerade: Vendetta, in cui si potranno simulare i giochi di potere tra i vampiri della Masquerade.

Spostandoci di nuovo al di là dell’Atlantico, Days of Wonder avrà un paio di nuove espansioni per i suoi immortali titoli: Memoir ’44: New Flight Plan, con aerei che includono anche i bombardieri pesanti, e Ticket to Ride: London, per viaggiare nel traffico della meravigliosa capitale inglese durante gli anni ’70.

Presso Deep Water Games potremo provare in demo Floor Plan, un gioco di dadi a scelta simultanea in cui bisogna costruire case, e provare tutta una serie di espansioni (ben 7) per il roll’n’write Welcome to…, tra cui la versione in solitario, un’espansione a tema Halloween, una con l’immancabile tema zombi, e persino una natalizia (Winter Wonderland). Nel frattempo, Games Workshop continua la sua marcia trionfale nei giochi da tavolo / skirmish, presentando in demo ben tre novità già annunciate durante la Toy Fair di New York: Combat Arena, un titolo gladiatorio ambientato su una nave dei Rogue Trader; Stormvault, un cooperativo di avventura ed esplorazione nel mondo di Age of Sigmar; e Warhammer Underworlds: Dreadfane, titolo “introduttivo” alla serie Underworlds.

Conigli volanti? Niente è impossibile per IELLO, che mostrerà al mondo la prima espansione di Bunny Kingdom intitolata appunto In the Sky, insieme al nuovo titolo di piazzamento tessere Ishtar: Garden of Babylon, oltre alla seconda edizione di High Risk. E se invece avete ancora fame di miniature dopo GW, ecco Mythic Games con le demo del noto Time of Legends: Joan of Arc, e di Super Fantasy Brawl, un’arena gladiatoria con campioni immortali da tutte le epoche. A proposito di miniature, Mantic presenta il suo splendido Hellboy sia in versione normale che deluxe, con tanto di (prima) espansione, The Wild Hunt.

Il buon Sandy Petersen presenta la sua personalissima Petersen Games con ben tre titoli: Planet Apocalypse, un cooperativo con elementi di tower defense; Glorantha: The Gods War, uno strategico ambientato appunto in Glorantha; e Startropolis, un gioco di investimenti interstellari. Restando in tema di giochi… tematici, Plaid Hat Games si presenta in forze alla GenCon, vantando ben cinque titoli: Battlelands, rapido gioco di carte di Jerry Hawthorne e del nostro Andrea Mezzotero ambientato nel mondo del secondo nuovo titolo, Aftermath, un cooperativo a-la Stuffed Fables; di tutt’altra pasta è Abomination: Heir of Frankenstein, in cui si compete per creare mostri e abomini vari; in Super Punch Fighter daremo vita a scontri tra artisti marziali in stile videogame, e potremo farlo persino in solitario; infine, Quirky Circuits è un titolo in stile Robo Rally con un po’ di ulteriore caos aggiunto.

Forte dei grandi successi di Clank!, Renegade Studio porterà un’espansione per il suo noto gioco, intitolata Temple of the Ape Lords, e un’altra per Clank Legacy: Acquisition Incorporated, oltre a una sfilza di nuovi titoli tra cui ben sei espansioni per Bargain Quest (incluse le regole in solitario e l’ormai immancabile espansione ambientata in Acquisition inc.). Tra gli stand alone di questo prolifico editore troviamo Proving Grounds, un gioco di combattimento fantasy in solitario; Power Rangers: Heroes of the Grid con ben tre espansioni, dedicato ovviamente alla fortunatissima serie televisiva; Revolution of 1828, un duello politico presidenziale negli USA degli anni ’20; Terror Below, vagamente ispirato alla serie cinematografica Tremors, in cui si compete per raccogliere le uova dei giganteschi vermi sotterranei nel deserto del Nevada; e infine ben due roll’n’write: Hex Roller e Lantern Dice. Z-Man Games non vuole essere da meno, e si presenta con cinque interessanti titoli: una nuova edizione di Love Letter; Hadara, in cui i giocatori competeranno per costruire un mondo di culture e civiltà diverse; l’attesissimo astratto Noctiluca, ispirato alle simpatiche alghe luminescenti marine; infine Choose your own adventure: War with the Evil Power Master, uno storytelling di carte cooperativo dal lunghissimo titolo.

Anche i colossi tedeschi avranno ovviamente la loro bella fetta di GenCon. Pegasus Spiele presenta tre titoli della serie storytelling cooperativa Undo, il party game NObjects, il worker placement Crown of Emara, e l’allegro Tricky Druids. Queen Games si attesta con Copenhagen, un puzzle game di piazzamento tessere in edizione normale e deluxe, con già un’espansione disponibile (Multicolor Tiles), e presente persino in versioneroll’n’write; e con alcune espansioni per Luxor (The Mummy’s Curse), e per Merlin (Arthur e Knights of the Round Table). Ci sarà anche Kosmos, che porterà i primi due titoli delle avventure cooperative Adventure Games, rispettivamente Monochrome Inc., ambientata in un centro di ricerche, e The Dungeon, in cui ci si risveglia in una prigione medievale; Roll for Adventure è invece un gioco cooperativo fantasy di piazzamento dadi; mentre Tribes: Dawn of Humanity ci porterà all’inizio della storia dell’umanità a posizionare le nostre tessere e costruire le nostre comunità. Infine Ravensburger porta una sfilza di titoli tra cui spicca Jaws, il gioco tratto dal famosissimo film di Spielberg (distribuito in Italia come Lo Squalo), oltre alla nuova espansione per Villainous (il cui gioco base dovrebbe uscire in italiano per ottobre), oltre a Catlantis, un gioco di bluff e gatti, Horrified, un titolo cooperativo in cui bisogna battere uno dei mostri tratti dai film degli anni ’50, Red Peak, un cooperativo firmato da Carlo Rossi in cui si cerca di scappare da un vulcano in eruzione, e King Me!, una sorta di coloratissima riedizione del gioco della dama.

Ma gli USA sono famosi anche per i dinosauri, e alla GenCon avremo due titoli ispirati ai più amati tra gli animali preistorici: Jurassic Parts della 25th Century Games, un gioco di piazzamento in cui si devono liberare ossa dalle rocce, e Draftosaurus di Ankama, un gioco di draft e dadi in cui i giocatori competono per creare il miglior parco dei dinosauri (vivi, naturalmente). La stessa Ankama porterà anche tre titoli già visti alla scorsa Essen: Tales of Glory, Arkeis, e Monster Slaughter. Le arance blu di Blue Orange offriranno Kingdomino Duel, la versione roll’n’write per due giocatori del noto Kingdomino, oltre a Detective Club, uno storytelling con elementi di bluff, e Dragon Market, un gioco di dadi in cui si cerca di gestire la navigazione fluviale delle merci per completare le proprie carte.

Parlando del fronte Giochi di Ruolo la voce grossa la fa sicuramente Paizo, poiché sarà proprio in occasione di Gen Con che vedrà luce l’attesa seconda edizione di Pathfinder. Il rivale di D&D per antonomasia vanta un playtest con una partecipazione enorme (a cui abbiamo contribuito anche noi italiani!) ed esordisce con un manuale di gioco estremamente corposo (in edizione standard e deluxe), il bestiario, il primo capitolo del primo adventure path e svariati accessori. Altro grande operatore immancabile a Indianapolis sarà Cubicle 7, che anche se ha in programma solo alcuni sourcebook per i titoli più noti, non ha mancato di far intuire che ci saranno notizie riguardo la seconda edizione di The One Ring e il manuale dedicato a Warhammer Age of Sigmar. Aspettative anche in casa Talsorian, è ancora presto per parlare della versione tabletop di Cyperpunk 2077, ma è già in arrivo la versione RED: una nuova versione del Cyberpunk storico (che sarà presentata in versione boxed, il Jumpstart Kit) che ci preparerà agli sviluppi futuri di questa linea. Atmosfere simili ma con una componente fantasy quelle di Shadowrun: la sesta edizione del gdr futuristico di Catalyst vedrà il suo core book proprio a Gen Con. E sarà sempre il primo agosto che inizieranno le pubblicazioni del gioco di ruolo di Fallout che, lo ricordiamo, apre le danze come espansione del wargame Fallout: Wasteland Warfare. Le proposte gdr chiaramente non finiscono qui, i produttori (specialmente quelli più piccoli e indipendenti) lanciano a GenCon decine di manuali, alcuni dei quali sviluppano le linee che hanno trionfato agli Ennie Awards dello scorso anno… e anche quest’anno la concorrenza è molto accesa, basta dare un’occhiata alle nomination.

Insomma, questa edizione si preannuncia davvero elettrizzante, e come al solito non ci sarà il tempo di fare neppure un decimo di tutto quello che si vorrebbe fare… nemmeno se avessimo una GiraTempo come nel mondo di Harry Potter! Ma è il momento di prepararsi: manca ormai pochissimo all’apertura dei cancelli per “i migliori quattro giorni di gioco”™ del nuovo mondo (e forse dell’intero pianeta)! Il nostro viaggio verso Indianapolis è appena iniziato, seguiteci sui nostri canali social per rimanere aggiornati su tutto quello che ci attende da GenCon 2019!