Interviste: Progetti enormi e idee innovative per Eric M. Lang

(following an interview also in English language)
Incontrare un autore di giochi a un evento ludico non è certo una cosa rara. Se l’evento poi è un grande appuntamento internazionale, è anche possibile che l’autore che ti capita di incontrare sia uno dei più noti del momento. E dato che non capita cosi spesso che Eric M. Lang calchi le terre europee potevamo forse noi lasciarsi scappare l’occasione di scambiare quattro chiacchiere con lui per scoprire su cosa sta lavorando l’uomo che ha ideato i più recenti  successi di Fantasy Flight e Wizkids ? A dire il vero il tempo che mr. Lang poteva dedicare al nostro microfono era molto limitato, ma è bastato almeno per poter parlare di un grande progetto all’orizzonte su cui sta lavorando…




Eric M. Lang  ama e inventa giochi praticamente da quando è bambino, i suoi primi impegni professionali nel settore iniziano nel 2000 quando fonda la sua società (la Anoch Game Systems) pubblicando il suo primo gioco di carte: Mystick. Da allora è iniziata la sua parabola ascendente, Eric diventa consulente dei principali publisher americani sviluppando giochi di carte e giochi da tavolo, probabilmente il lavoro per cui è più noto sono i giochi di carte (poi divenuti living card game) della Fantasy Flight. Tra i suoi successi più recenti sicuramente il dice-building della Wizkids, Quarriors! e il card game della FFG di Star Wars e in dirittura di arrivo c’è il nuovo gioco di dadi ambientato nella terra di mezzo: The Lord of the Rings Dice Building Game.

Se ci azzardiamo a far notare a mr. Lang che i suoi giochi sono tra i più diffusi e tradotti al mondo lui ci dice che né felice, ma che non si sente per questo un autore prestigioso della scena ludica mondiale. Insistiamo: se lo cercano per lavorare su licenze cosi importanti come Il signore degli Anelli, Il trono di Spade, Warhammer o Guerre Stellari un motivo ci sarà, ma Eric insiste con un atteggiamento sempre il più possibile umile: se la licenza è importante il suo lavoro deve essere all’altezza, tutto il suo impegno è votato a far si che l’esperienza di gioco sia coinvolgente e apprezzata dai giocatori. Proprio parlando di Star Wars Living Card Game, Eric ci dice che è contento che ci sia stata la possibilità e il tempo di capire che il modello cooperativo proposto inizialmente non era quello che i fan desideravano realmente. Bisognava creare un sistema che permettesse ai giocatori di schierarsi con la ribellione o con il lato oscuro, dove però il paragone con il vecchio titolo della Decipher (ancora oggi giocato seppur fuori produzione) sarebbe stato inevitabile. La sfida quindi era offrire un’esperienza di gioco appassionante ma differente dal suo illustre predecessore, e a giudicare dal successo di vendite al suo recente esordio si può considerare vinta. Ora l’impegno è tutto rivolto alle espansioni  e oltre ai deck in imminente arrivo, c’è in programma anche un’altra espansione “speciale” (in maniera simile a quanto già visto per gli altri LCG).
Parlando di Quarriors!, come abbiamo potuto vedere dalle espansioni del 2012 (Quarmageddon e Quest of the Qladiator) il gioco gode di ottima salute, la prossima espansione si chiamerà Quartifacts e introdurrà nel gioco il concetto di “avventure”: spedendo le nostre creature a risolvere le quest potremmo anche trovare i preziosi  Quartifact, che ci aiuteranno nella sfida principale fornendo miglioramenti ai nostri eserciti.
E sempre parlando di dadi Wizkids, un altro gioco è già stato annunciato per il prossimo autunno: Train and Stations. “Un omaggio allo stile di Sid Sackson”  ci dice Eric “che è uno dei miei game designer preferiti”. Pur essendo un euro-game, Train and Stations avrà un sacco di dadi e parecchia interazione.
Ma Lang non sta lavorando solo su espansioni e titoli seriali, ci sono parecchie novità all’orizzonte: un nuovo gioco con Aldreac, due nuovi giochi sviluppati con l’amico Kevin Wilson, altri progetti personali…tutti supersegreti però, tutte cose di cui non dovrebbe parlare in giro men che mai a dei giornalisti. Siamo riusciti però a convincerlo a rivelarci qualcosa su uno dei suoi progetti più imminenti che, da voci che circolano nell’ambiente, sembra essere veramente rivoluzionario per il settore.
Si tratta di gioco ideato da Eric parecchi anni fà, un progetto cosi “huge” che difficilmente avrebbe trovato il consenso e il supporto di un editore. Ma qualcuno a quanto pare ha creduto nell’idea, un editore che recentemente sta registrando parecchi successi sulla piattaforma di crowdfunding per antonomasia, sfornando scatole stracariche di miniature: Cool Mini Or Not.
Gli occhi di Eric si illuminano mentre ce ne parla, ma al contempo fa passare diversi secondi prima di rispondere ad ogni nostra domanda perché sono molti i dettagli che non può assolutamente lasciar trapelare. Quando concepì l’idea di questo gioco, lui stesso non riteneva che fosse possibile realizzarla pensando alle possibilità e alle dimensioni del settore, ma ora che ha trovato qualcuno in grado di supportarlo ha “aggiornato” il sistema di regole ai livelli qualitativi attuali rispetto alle idee avute al suo concepimento (5 anni fa).

Sarà un gioco con ambientazione fantasy con TANTISSIME miniature realizzate con standard produttivi elevati, un gioco per 2-4 persone ma che potrebbe potenzialmente essere giocato fino a 16. Il gioco sarà estremamente legato al setting in cui è ambientato e con la giuste dose di violenza (si, ci sarà da menar le mani). Per quanto il gioco veda impiegato parecchi componenti di elevatissima qualità, una partita non durerà più di 60 minuti. Lo stile sarà più americano che tedesco , ma nonostante stiamo parlando di un ameritrash il fattore “fortuna” non avrà forte impatto sull’esito delle partite. Per dirla con le parole di Eric “ less fortune and nice amount of case”. Il punto di forza del gioco sarà la varietà, per questo saranno subito presenti parecchie fazioni e molte altre sono già in preparazione come prime espansioni.

Il gioco è stato segretamente playtestato alla bggcon ed è stato chiesto ai partecipanti di non dire nulla, l’idea è di non creare alcun hype fino al giorno dello start della campagna di Kickstarter, e proprio per questo anche per quanto riguarda le nostre domande non c’è più nulla che possiamo sapere. Anche conoscere il nome dell’artista che si occuperà di tutto l’assetto grafico del gioco è impossibile, sarebbe anch’esso un indizio eccessivo al momento, ma anche per quanto riguarda questo aspetto, ci dice Eric, potremo contare su un livello di illustrazione eccelso.
Insomma, Eric Lang è convinto che questo gioco stabilirà un nuovo livello qualitativo nel settore, un progetto cosi epico che attirerà sicuramente l’attenzione di molti.
[NdR. 15/03/2013 L'annuncio è stato fatto, il gioco di cui parla in questa intervista è Kaosball]

Ovviamente questo non vuol dire che Eric stia lavorando solo su questo, oltre quello che vi abbiamo elencato in apertura sono tante le idee che frullano nella testa di questo creativo ludico. In particolare c’è anche un altro progetto che sta per vedere luce, un altro gioco che, secondo Eric, farà parlare parecchio di se per la sua innovazione. E sospettiamo che l’annuncio ufficiale venga dato dall’editore a breve.

E con questa ultima prospettiva il tempo a nostra disposizione si esaurisce, dobbiamo cosi salutare il volto sorridente dell’amichevole Eric M. Lang e rimanere (a questo punto assieme a voi lettore) in febbrile attesa che la campagna di Kickstarter abbia inizio.


English version

Meeting a game designer during a game fair is no uncommon thing. If the fair is one of the most important international events, it’s likely that the author you meet if one of the most renowned. And since it’s not so common for Eric M. Lang to walk the European soils, we couldn’t lose the option to have a nice chat with him to find out what’s on the mind of the man who created the latest successes for Fantasy Flight and Wizkids? Mr. Lang’s time for us was very limited, but it was enough to talk about a new big project he’s working on…

Eric M. Lang loves and builds games since his childhood. His first professional works in the sector start in 2000 when he founded his own company (Anoch Game Systems) to publish his first card game: Mystick. As a trampoline, he became a consultant for the most important American publishers, developing card games and board games. He’s most probably renowned for Fantasy Flight’s card games (later become living card games). Among his latest successful works there are Quarriors!, the dice-building for Wizkids, and FFG’s card game on Star Wars. Almost ready for publication there’s the new dice game set in Tolkien’s world: The Lord of the Rings Dice Building Game.

If we tell Mr. Lang that his games are among the most popularand translated he replies that he’s happy but this doesn’t make him feel a prestigious designer in the international scene. Even though he’s sought after to work on high name licenses such as The Lord of the Rings, Game of Thrones, Warhammer or Star Wars, Eric keeps a humble view explaining that if the license is important, his work must match its level and he feels the responsibility to build a game experience both captivating and enjoyable for the players. Talking about the Star Wars Living Card Game, Eric is satisfied having had the time to understand that the initial cooperative concept wasn’t what fans were really expecting or wishing for. There was a need for a system which allowed players to take side with the Rebellion or the Dark Side, which would surely be compared to the old game by Decipher (still played around, although out of production).  The challenge was to build a different fascinating game experience and, judging by the reception, it was won. The focus is now on the expansions and, in addition to the impending decks, there are talks of a new “special” expansion (similar to what we saw with the other LGC).
Talking about Quarriors!, judging by the expansions in 2012 (Quarmageddon and Quest of the Qladiator), the game is in good health, the next expansion will be called Quartifacts, it will introduce into the game the concept of "quest": sending our creatures to solve the quests we could find precious Quartifacts, that will help us in the main challenge by providing improvements to our armies.
And talking about "WizKids dice", another game has already been announced for next fall: Train and Stations. "An homage to the style of Sid Sackson" says Eric, "which is one of my favorite game designers." Despite being a euro-game, Train and Stations will have a tons of dice and a lot of interaction.
Lang isn’t working only on expansions or serial titles, there are news lining out: a new game with Aldreac, two new games developed together with his friend Kevin Wilson, other personal projects… everything super-secret. Especially when talking to journalists! We were however successful in persuading him to tell us something about one of his most impending project, which is rumored to become revolutionary.
It’s a game Eric thought several years ago, so “huge” that it would have been hard to find the consent and support of a publisher. However somebody believed in the idea, a publisher who has recently been recorded several big successes on the main crowdfunding platform, producing boxes with beautiful miniatures: Cool Mini Or Not.
Eric’s eyes shine when he talks about this project, but at the same time he waits several seconds before answering our questions because there are a high number of details he can’t give out.
When he thought about it, he wasn’t sure it could be done due to the size of the project, but now that he has someone backing him up, he “updated” the rules tocurrent quality standard than the original ones (5 years ago).

It’ll be a game with a fantasy setting and a HUGE NUMBER of high quality miniatures, a game for 2-4 players probably scalable to 16 players. It will be extremely tied to the setting with the right dose of violence (yeah, there will be battles). Although built with high quality components, a standard game won’t last more than 60 minutes. It will have an American style more than a German one, but although we’re talking about a ameritrash, the “luck” factor won’t have a strong impact on the game. In Eric’s own words “less fortune and nice amount of case”.
The key of the game is the variety, for this the game starts with many different factions and many more are already in the pipeline for the first expansions.
The game has been secretly playtested at bggcon and participants have been asked not to share any things. The idea is not to create any hype before the Kickstarter campaign, and this is why our question time is over. Even knowing the name of the artist who’ll cure the entire graphic asset is out of the question, as it’ll be a strong hint. Eric assures us we’ll be able to get a super graphic level.
 [note: 15/03/2013 The announcement was made, the game mentioned in this interview is Kaosball]
To sum it up, Eric Lang is sure that this game will set a new level and will attract much attention. This is not Eric’s only project, we already wrote all the ideas he’s working on. Especially, there is another secret project that is about to see the light, another game that, according to Eric, will gather a lot of attention for its big innovation. And we suspect that the official announcement will be given by the publisher shortly.


Our time is over, we have to say goodbye to Eric M. Lang’s smiling and friendly face and feverishly wait (with you, readers) for the Kickstarter campaign to start.