Recensioni: The Bottle Imp

The bottle imp è un gioco che, prima di tutto, devo ringraziare per avermi spinto a leggere lo straordinario racconto di Stevenson a cui è ispirato. Si tratta di una storia che è (giustamente) considerata un classico, in cui una bottiglia contenente un demone viaggia di mano in mano, pronta a portare la dannazione dell’anima alla persona che non riuscirà a darla via prima della propria morte. Un tema decisamente peculiare per un gioco, e molto specifico. Ma alla fin fine, al di là dell’ambientazione, com’è questo prodotto ripreso in questa nuova versione dai finlandesi della Lautapelit.fi (l’originale risale addirittura al 1995) e localizzato per il nostro Paese da Playagame edizioni?

Preparatevi a fare i conti con denari e demonietti, e seguitemi in questa strana avventura!

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Michele Strogoff

La vita da corriere dello Zar non è certo facile: ci sono Tartari da seminare, orsi da evitare, pericoli tremendi da scansare, e di tanto in tanto l’occasionale traditore che lavora contro la Madre Russia. Michele Strogoff è uno di questi corrieri e la sua vita movimentata lo sta per diventare ancora di più, da quando il colonnello traditore Ivan Ogareff ha deciso di passare dalla parte dei Tartari per condurli alla conquista di Mosca. Da qualche parte si deve pur iniziare, ha pensato Ogareff, e quindi sta conducendo la sua armata verso la città di Irkutsk, capitale della Siberia sotto il controllo del fratello dello Zar. Siccome, giustamente, i Tartari hanno pensato bene di tagliare i fili del telegrafo, le comunicazioni tra le città sono interrotte, e lo Zar ha deciso di affidare al buon Michele Strogoff il compito di raggiungere Irkutsk, e avvertire quindi il Granduca suo fratello dell’imminente pericolo. Riuscirà egli a compiere la missione?

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Star Saga

È fatta: avete un contratto, e pure ben remunerato. Poco importa se vi è stato proposto da Blaine, probabilmente il nome più noto della galassia in fatto di pericolo e affari loschi. Poco importa se i dettagli sono pochi, ma soprattutto poco importa di chi andrete a colpire. Il problema, semmai, è il “cosa”: una stazione di ricerca che in teoria nemmeno dovrebbe esistere, situata in un posto che le mappe stellari a stento riportano, e che contiene qualcosa di cui viene negata persino l’esistenza. Un’arma biologica, probabilmente. Cosa se ne voglia fare Blaine, non è affar vostro. Cosa ve ne facciate voi di tutti i crediti che vi pagherà, è quello che conta, no? Dopotutto, siete mercenari, non un ente di beneficienza interstellare. È solo questo continuo nominare la Plague… la Plague… qualcosa non va, forse. Ma con la vostra nave diretta a tutta velocità verso il bersaglio, è decisamente un po’ tardi per preoccuparsene.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Dungeon Digger

Gli avventurieri hanno saccheggiato tutti i dungeon, scacciando i rispettivi regnanti dai loro domini ancestrali. Sconfitti ma non domi i Signori dei Dungeon si sono riuniti a Monte Disperazione, l’ultimo baluardo del male, hanno radunato i loro servitori e si apprestano a scavare il labirinto definitivo, che nessun avventuriero potrà sconfiggere… ovviamente un malvagio che si rispetti non accetterebbe mai di sottostare a un altro, per cui la competizione per chi costruirà il dungeon migliore è aperta, e solo uno sarà il Signore Assoluto dei Dungeon! Sarete voi? Scopriamolo assieme…

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Minute Realms

Stefano Castelli è stato uno degli autori nostrani più prolifici del 2017! Oltre all’espansione di Pozioni Esplosive, realizzata assieme a Andrea Crespi e Lorenzo Silva, e a Omegha, il gioco tratto dall’omonimo fumetto sviluppato con Diego Cerreti, si è messo alla prova con una nuova tematica ludica: in Minute Realms - prodotto da dV Giochi - dovremo infatti fondare un nostro reame, decidere quali strutture edificare e affrontare barbari invasori, il tutto per avere il regno più prospero alla fine di una partita che non dura mai più di mezz'ora! Andiamo a vedere com'è stata affrontata questa sfida tutt'altro che minuta!

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Il Padrino: l'Impero dei Corleone

Nel 1972, Francis Ford Coppola trasse ispirazione da un modesto romanzo di Mario Puzo e diede alla luce una delle più belle pellicole della storia del cinema: The Godfather (Il Padrino n.d.r.), supportato da un cast stellare comprendente, tra gli altri, Marlon Brando, Al Pacino e Robert Duvall.
Qualche anno più tardi, allo stesso modo, Eric M. Lang chiama a suo fianco Karl Kopinski e tutto il team di Spaghetti Western Games insieme alla sua compagine di Cool Mini or Not, per tentare un'altra trasposizione di questo celebre franchise, stavolta chiaramente portandolo sui tavoli da gioco e intitolandolo Il Padrino: l'Impero dei Corleone.
Riuscirà il buon Lang a bissare la qualità delle gesta del regista? Seguitemi nella lettura e otterrete la risposta.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Whitehall Mystery

Il 2 Ottobre 1888, durante la costruzione del nuovo quartier generale della Metropolitan Police, vicino a Whitehall venne ritrovato un torso di donna. Il giorno 11 settembre, sulle fangose rive del Tamigi presso Pimlico, era stato già rinvenuto un braccio destro. La stampa cercò di collegare la vicenda con i delitti di Whitechapel, ma la polizia rifiutò sempre di ammettere qualsiasi connessione. C’era un altro assassino a piede libero che si era divertito a disseminare i pezzi di una povera donna in giro per Londra, come una macabra caccia al tesoro. Il 18 ottobre fu ritrovata anche la gamba sinistra. La testa della vittima e gli altri arti non lo furono mai.  La sua identità e quella del suo assassino rimasero per sempre sconosciute e la vicenda passò alla storia come il mistero di Whitehall.

Giochi Uniti porta l’intricato reticolo di strade e vicoli della Londra di fine '800 sui nostri tavoli, con Whitehall Mystery, titolo di Gabriele Mari e Gianluca Santopietro che si propone come uno spinoff di Lettere da Whitechapel (anch'esso sviluppato da Sir Chester Cobblepot) pensato per riproporre le atmosfere del "fratellone" in versione più rapida e lineare e che vede i giocatori vestire alternativamente i panni del noto Jack lo Squartatore oppure quelli dei tre poliziotti inglesi in una frenetica caccia all’uomo.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Kill Doctor Lucky

In un periodo ludico decisamente favorevole a titoli dal tema investigativo, che siano casi degni di Sherlock Holmes, misteri lovecraftiani o indagini alla CSI, la comparsa a opera di Giochi Uniti di una scatola dalla grafica retrò che ci invita a uccidere un tal Dottor Lucky, non può che calamitare la nostra attenzione. Il gioco ha la sua età, essendo uscito in una prima versione di Cheapass Games nel lontano 1996 e venendo più volte riedito in varie lingue, fino ad arrivare a questa edizione italiana dell’anniversary edition 19.5 dai materiali decisamente pregevoli.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: 13 Giorni - La crisi dei missili di Cuba, 1962

In risposta al maldestro tentativo della CIA di rovesciare Fidel Castro (la famosa “invasione della Baia dei Porci”) e allo schieramento americano dei missili balistici Jupiter in Italia e in Turchia (praticamente alle porte della Russia), nell’estate del 1962 vennero costruiti sul suolo cubano nove siti di lancio da attrezzare con missili balistici R-12 e R-14. All’America questo non piacque e per 13 giorni i rapporti tra URSS e USA furono sul punto di deteriorarsi in via definitiva.

Quei 13 Giorni che hanno tenuto il mondo col fiato sospeso sono ora pronti a tenere voi in tensione per una trentina di minuti. Chi vorrete essere: John Kennedy o Nikita Chruščёv? 

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Awaken

Ultimamente, complice l’offerta sul mercato, è facile venire a contatto con giochi di ruolo dalle tematiche oscure, tetre e violente, dove il mondo di gioco è devastato da potenti forze, da imperante corruzione e da tanto abbienti quanto ignobili signori del male. In questa tipologia di gioco, si inserisce Awaken, un GDR anticipato sui social network e presentato al pubblico durante l’evento ludico per eccellenza, Lucca Comics & Games del 2017. Riuscito a perseguire la via del finanziamento dal basso attraverso Kickstarter al secondo tentativo nell’edizione originale, sviluppata da un team croato, il gioco ha visto una gestazione di circa due anni per venire alla luce nella versione internazionale e con un annuncio che ha sorpreso perfino gli addetti al settore, nello stesso anno arriva anche in Italiano grazie a una neonata casa editrice: Isola Illyon Edizioni. Il sito dedicato al fandom fantasy dunque, si trasforma in case editrice e propone Awaken come sua prima killer application.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Attack on Titan: l'Ultima Resistenza

Correva l’anno 2009 quando in giappone faceva la sua comparsa il fumetto “L’Attacco dei Giganti” (Shingeki no kyojin). Destinato a diventare in brevissimo tempo un cult internazionale, il fumetto narrava le vicende degli abitanti dell’ultima città degli umani, circondata da mura altissime e assediata dai Titani, esseri enormi, deformi e dissennati, il cui unico scopo, apparentemente, è divorare gli esseri umani. Uno dei motivi per cui il fumetto ha avuto indubbiamente successo è la peculiare ambientazione, il senso di disperazione e di isolamento tangibile nell’opera, la lotta estenuante dei protagonisti contro degli avversari apparentemente invincibili. Antoine Bauza e Ludovic Maublanc hanno raccolto la sfida di proporre in veste ludica la sanguinosa lotta contro i Titani, vediamo come hanno affrontato questa prova!

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Grand Austria Hotel

Da quando le barriere tra i giochi in stile europeo e quelli in stile americano si sono indebolite, nuovi ibridi sono apparsi tra noi. I simpatici poliedri numerati sono penetrati nel cuore dei giochi german, mentre anche i titoli più ameritrash hanno iniziato a porre maggiore attenzione sul bilanciamento e sull’eleganza del proprio sistema di regole, a costo di qualche astrazione in più.
Tutto questo preambolo è solo per chiarire che sto per parlarvi di un gioco di stampo euro in cui i dadi la fanno da padrone: si tratta di Grand Austria Hotel, scritto da italici autori dall’ottimo curriculum. L’opera più recente di Gigli e Luciani è infatti l’apprezzato Lorenzo il Magnifico, scritto insieme a Flaminia Brasini, ma andando a ritroso tra le opere di Luciani figurano anche Tzolk'in e Marco Polo, per dirne giusto un paio (e sappiamo quanto anche in quest’ultimo i dadi siano fondamentali).
Gli ingredienti, come al solito, sono stati messi in tavola (questa volta, data l’ambientazione, anche letteralmente). Andiamo un po’ a vedere quale è stato il risultato!
 

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Vikings on Board

Una flotta di imponenti drakkar è ferma al porto e pronta a caricare beni di ogni tipo, da trasportare in terre lontane, sotto la guida di esperti guerrieri e navigatori quali erano gli antichi popoli scandinavi. Si presenta con più di un tratto distintivo questo “Vikings on board”, prodotto della Blue Orange che incuriosisce sin dalle prime occhiate, per merito – mettiamolo subito in chiaro – delle miniature colorate e delle maestose navi, cuore del gioco su cui lotteranno i nemici al tavolo.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Una Storia di Pirati

Che siano maledetti con la prima luna, alla ricerca dello One-Piece, che siano sanguinari o buffi, i Pirati sono i soggetti di molte avventure emozionanti su tutti i media, e non mancano certo giochi con protagonisti i corsari dei sette mari! Una Storia di Pirati è uno di questi e ci pone sulla coperta della nave pirata Ellen, in ciurma piccola ma agguerrita pronta a tutto per avere ricchezza, fama e libertà! Una Storia di Pirati si presenta come un titolo cooperativo in cui i giocatori, coadiuvati da un’App, dovranno gestire la nave e affrontare tutti i pericoli che vi possono venire in mente, per risolvere una serie di scenari. Abbiamo seguito lo sviluppo di questo titolo sin dal suo primo annuncio nel 2015, attendendo di sapere quale sarebbe stata la forma definitiva di questa originale miscela di elementi. Andiamo finalmente a scoprire come gli amici della Cranio Creations hanno affrontato la sfida di portare sui tavoli da gioco le scorrerie di questi pericolosi e romantici lupi di mare!

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Rush & Bash: Monster Chase

La curiosità uccise il gatto, ma cosa fa al Pirata? Beh a lui in particolare nulla, ma a quanto pare, quando Capitan Barbarossa ha aperto il vaso sbagliato ha liberato gli spiriti dei “cuccioli” di un antico Re Stregone dei Brutti Musi, e questi, abbastanza giustamente, hanno preso possesso di altrettanti veicoli e ora seminano il panico per le piste di Baruffus! Niente paura però, i nostri coraggiosi piloti non si sono lasciati intimidire e sono subito saltati sui loro bolidi per porre un freno a questa minaccia ultraterrena!

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Aristeia!

In questi ultimi anni, nel mondo dei videogiochi, abbiamo potuto assistere alla nascita, all’evoluzione e infine al deciso affermarsi di un nuovo genere: gli “Hero Shooter”. In questi giochi s’impersona un eroe, appunto, che fa parte di una squadra e che agisce all’interno di un’arena ben definita, con uno scopo che, normalmente, è ben più complesso del consueto “uccidi i membri della squadra nemica”. Aristeia!, il primo boardgame di Corvus Belli (i produttori del wargame Infinity), attualmente disponibile solo in inglese e spagnolo, riprende integralmente questo concetto, proponendo una sfida per due giocatori in cui ognuno gestisce una squadra di quattro personaggi con abilità e caratteristiche uniche che, interagendo tra loro, si spera riescano a generare un valore superiore alla somma delle parti. Andiamo a scoprire come… 

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Evolution

Correva l’anno 1859 e nelle librerie inglesi fu messo in vendita a 12 scellini un volume dal titolo lungo quanto curioso: “Sull’origine delle specie tramite la selezione naturale”. L’autore era un certo Charles Robert Darwin e le 1250 copie della prima edizione andarono esaurite praticamente subito. Durante la sua vita, Darwin vide ben sei edizioni della sua opera, con diversi cambiamenti e miglioramenti del testo e persino un riferimento alla religione nella quinta edizione, da cui mi piace ricordare forse la più bella definizione degli esseri viventi: “endless forms, most beautiful and most wonderful”, infinite forme sempre più belle e meravigliose. L’evoluzione (la parola stessa fu usata per la prima volta da Darwin proprio in questa edizione) era finalmente più che una semplice idea: era la riposta alle domande dei filosofi della natura. Finiti i giorni delle “specie tanto diverse quante ne creò all’inizio l’Essere Infinito” di Linneo: ora esisteva un modello per spiegare la varietà della vita sulla Terra e persino per prevedere l’esistenza di specie ancora sconosciute (Darwin stesso lo fece, anche se la conferma si ebbe decine di anni dopo la sua morte).

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Level 9

Level 9 – NMBR 9 nella versione originale di Abacus Spiele – è un simpatico titolo astratto ideato da Peter Wichmann, arrivato nel nostro Paese la scorsa primavera grazie al lavoro di localizzazione effettuato da DVGiochi. Il gioco si cala perfettamente nel novero di quelli a base di polimini, molto in voga nell'ultimo paio d'anni ma, come vedremo, riesce abilmente a far spiccare alcune caratteristiche che lo rendono abbastanza diverso dai suoi "fratelli".
Bando alle ciance dunque e seguitemi in questa recensione.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Tripods & Triplanes

È la primavera del 1918, la Grande Guerra sta riscuotendo il suo orribile tributo di sangue, mentre i “cavalieri dell’aria” si combattono su sempre più sofisticati velivoli di tela e legno. Improvvisamente, nella foresta dell’Alsazia si abbatte un meteorite e i rapporti dei primi ricognitori sono sconcertanti: qualcosa di enorme si innalza dal fondo del cratere… più alta degli alberi circostanti, di aspetto orribile, seguita da altre strane cose simili. Sono veicoli da combattimento, giganteschi elementi corazzati che camminano su tre lunghe gambe, capaci di incendiare i bersagli a distanza e di sputare nere nuvole di acido che corrodono qualsiasi cosa. Marte ha deciso che la Terra è una preda facile e ha dato inizio alla conquista… ma non ha fatto i conti con gli assi dell’aria! Un armistizio tra le potenze in guerra viene rapidamente firmato e tutte le armate terrestri si scatenano in difesa del nostro (per ora ancora unico) pianeta.

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni

Recensioni: Dice Forge

Un manipolo di valorosi eroi è stato scelto dagli dei per prender parte a un importante torneo. Solo i più meritevoli tra gli uomini possono infatti accedere al regno delle isole celestiali e sfidarne le avversità che celano. Inoltre, il premio in palio è di quelli verso i quali è difficile rimanere indifferenti: diventare un semidio e accedere all’Olimpo delle divinità.
Ok, questo è l’antefatto presentato da Dice Forge, ma come vedremo nel seguito, giocando ce ne dimenticheremo praticamente subito. 

Leggi Tutto... Altri articoli: Recensioni