Notizie Flash

  • La vicenda di HeroQuest 25 a una svolta

    La "trista storia senza fine" di HeroQuest 25 parrebbe essere a un punto di svolta. Il tribunale di Siviglia ha infatti dato inizio a un procedimento per truffa aggravata ai danni di Dionisio R.G., reo di aver raccolto oltre 680.000 euro da circa 5.000 backer, e non aver consegnato un bel nulla a oltre 5 anni di distanza. L'improvvisato editore continua nella sua linea difensiva, dicendo che non ha i fondi necessari per produrre il gioco e che li sta cercando, ma nel frattempo dovrà rispondere appunto davanti a un tribunale.
    Sul sito del Diario de Sevilla, che riporta la notizia, si fa peraltro menzione che Dionisio deve anche affrontare le spese di altre tre condanne per mancati pagamenti. 

    Insomma, come già capitato con altre sciagurate storie di finanziamento finite in aule di tribunale, le possibilità che HeroQuest 25 arrivi ai suoi speranzosi backer ormai sembrano davvero nulle.

  • Nasce Deep Print Games

    Non stupisce ormai più tanto che, a ridosso della Spielwarenmesse, emergano importanti notizie societarie e nuovi player di settore si presentino ufficialmente al mercato. Il 2020 non fa eccezione a questo, giacché da qualche ora è stata ufficialmente annunciata la nascita di Deep Print Games, un nuovo editore scaturito dal profondo rapporto umano e professionale che da tanti anni unisce alcune importanti personalità ludiche. Stiamo parlando di Peter Eggert, Philipp El Alaoui (provenienti da Eggertspiele/Plan-B Games), Karsten Esser e Andreas Finkernagel (codirettori di Pegasus Spiele), i quali, insieme anche a Viktor Kobilke e Matthias Nagy (ex Frosted Games), hanno deciso di creare questa nuova realtà editoriale con base a Berlino.
    Nonostante saranno tutti soci alla pari, Eggert, El Alaoui, Kobilke e Nagy si occuperanno dell'intero processo editoriale, mentre Esser e Finkernagel agiranno a supporto.
    Il "battesimo del fuoco" avverrà alla prossima Essen Spiel, dove l'editore ha già in programma la sua prima uscita: Renature, un titolo di Wolfgang Kramer e Michael Kiesling che sfrutta i pezzi del domino con meccaniche di controllo aree, ma sappiamo già che sono al lavoro anche altri prodotti, tra cui la riedizione di un classico.
    Il bagaglio di esperienza portato da queste personalità è notevole, così come lo sono le ambizioni della nuova realtà, che punta a realizzare opere di qualità apicale, che siano in grado di impressionare a lungo e di andare oltre le consuete categorie. Vien da sé che con queste premesse l'attenzione del mercato, e nostra, su di loro sarà da subito ai massimi livelli.

  • Dread e il gioco di ruolo di Root in arrivo da MS Edizioni

    MS Edizioni rilascia due annunci in diretta dal RPG Roleplaying Gathering di Firenze per informarci di come il suo catalogo GDR si prepari ad accogliere due nuovi manuali, entrambi traduzioni di titoli di successo stranieri. Al fortunato Sigmata si andrà infatti ad affiancare, già dalla prossima edizione del PLAY di Modena, Dread: il gioco di ruolo horror realizzato da The Impossibile Dream nel 2006 che usa una torre di Jenga per la risoluzione delle azioni. Il titolo è stato riconosciuto come uno dei più innovativi nel suo genere, il layout grafico dell’edizione italiana sarà curato da Mana Project Studio e vanterà le illustrazioni di Katerina Ladon. Anche per il secondo titolo potremo contare su una presentazione in anteprima a PLAY, dove potremo provare il quickstart di Root: il gioco di ruolo. In realtà non stupisce che l’atteso spinoff ruolistico, realizzato da Magpie Games, del popolare boardgame Root sia pubblicato in Italia dallo stesso editore, anzi, stavamo tutti aspettando questo annuncio da diverso tempo. Ora non ci resta che attendere Aprile per scoprire quali avventurose sfide aspettino i nostri vagabondi all’ombra della guerra.

  • Nomination ToyAwards 2020: c'Ŕ anche Mystery House!

    Come ogni anno, poco prima della Spielwarenmesse, il più importante evento fieristico per l’industria del del gioco e del giocattolo al mondo che si tiene da oltre sett’antanni a Norimberga, vengono annunciati i finalisti del ToyAward, il premio che riconosce i titoli più innovativi nella sconfinata offerta che i produttori si preparano a lanciare per questo 2020. Come sempre ci fa molto piacere segnalare le occasioni in cui tra i nominati compaiono anche i nostri amati boardgame. E quest’anno ci fa ancora più piacere, perché a concorrere nella categoria Teenager & Adulti, troviamo anche un prodotto nostrano: Mystery House, di Cranio Creations!
    L’innovativa “escaperroom” da giocare nella scatola, ideata da Antonio Tinto, se la dovrà vedere con la versione Braille dello storico UNO di Mattel e Proxi: il robot programmabile della Kosmos.
    Per sapere chi vincerà , dovremo attendere la cerimonia di apertura della Spielwarenmesse fissata per il prossimo 28 gennaio.

  • Il Colt Express di Ludonaute diventa Super

    Con un rapido annuncio sulla sua pagina facebook di bandiera, Ludonaute ha reso noto una delle sue prossime novità. Il nome è di quelli grossi perché si tratta ancora una volta di Colt Express.
    No, niente espansioni stavolta: il titolo che si legge sulla scatola recita Colt Super Express e, a quanto pare, si tratta di una nuova versione dell'apprezzatissimo family game di Cristophe Raimbault (localizzato da Asmodee in Italia), capace nel 2015 di portarsi a casa la doppietta Spiel des Jahres e Gioco dell'Anno.
    Questo nuovo gioco, firmato dallo stesso Raimbault in tandem con Cédric Lefebvre, ci riporta ancora nel selvaggio west a vivere l'assalto al treno, ma stavolta in modo ancora più rapido e frenetico e con una differenza nell'obiettivo tanto semplice quanto profonda: non vincerà più il più ricco, ma chi riuscirà ad arrivare vivo alla fine del percorso.
    Stando a quanto abbiamo potuto vedere sinora, tra i materiali della scatola sparisce il treno tridimensionale, il tempo di gioco scende a quindi minuti, per un prodotto che, immaginiamo, sarà di dimensioni (e prezzo) più contenuti.

Altre Notizie Flash