Notizie Flash

  • 13th Age presto in italiano da Wyrd Edizioni

    Con un teaser grafico pubblicato sui social, la Wyrd Edizioni ha resa nota la pubblicazione, probabilmente a Lucca Comics & Games, dell’edizione italiana di 13th Age, il gioco di ruolo fantasy a base d20 creato da Jonathan Tweet, designer di D&d3ed e Rob Heinsoo, designer di D&D4ed. Prodotto dalla Pelgrane Press, editore apprezzato per la qualità dei suoi prodotti come testimoniano le numerose vittorie quest’anno agli Ennies Award, l’oscar del gdr, 13th Age è stato progettato per unire il meglio di questi due regolamenti, velocizzando il gioco e inserendo alcune innovazioni tratte dai gdr indie.

    La Wyrd Edizioni negli ultimi anni si è imposta come uno degli editori principali in Italia nel gioco di ruolo con il gdr Dragonero, basato sull’omonimo fumetto Bonelli, l’edizione italiana di Numenera di Monte Cook e la Guardia dei Topi di Luke Crane e David Petersen. Tutti prodotti che mostrano un’ottima cura editoriale (Numenera è gioco di ruolo dell’anno 2015) che fa presagire un alto standard di qualità anche per questo nuovo progetto di localizzazione che troveremo a breve sugli scaffali.

  • Pandemia - La Cura si espande con farmaci sperimentali

    Pandemic- the Cure (localizzato in italiano dalla Asterion con il titolo di Pandemia - La Cura) ha riscosso un buon successo come gioco di dadi ambientato nella celebre serie di Pandemic. Nel titolo cooperativo, i giocatori dovevano riuscire a fermare 4 agenti patogeni prima che si diffondessero nel mondo provocando, come da titolo, una pandemia.

    La Z-Man Games ha ora annunciato la prima espansione di questo gioco di dadi, intitolata Experimental Meds. Si sa ancora poco di questa espansione, che dovrebbe essere presentata al prossimo Essen Spiel (13-16 ottobre): introdurrà nel gioco le Hot Zones ed un nuovo micidiale virus (il quinto), probabilmente rendendo più difficile la sfida; inoltre avremo a disposizione nuovi dadi, visibili nelle poche foto pubblicate su BoardGame Geek. La copertina dell'espansione, resa pubblica, riporta la dicitura "super-expansion", che ci fa ben sperare in termini di contenuti. Il prezzo in dollari dovrebbe aggirarsi tra i 25 ed i 30, il che ci lascia presagire un simile costo in euro.

    Aspettare ottobre sarà difficile per gli "addetti ai lavori", perché tutti sappiamo che il tempo non è nostro alleato in caso di Pandemia!

  • Forbidden Fortress: Torna Shadows of Brimstone

    Shadows of Brimstone è un nome che nel mondo dei dungeon crawl incute rispetto e un tantino di antipatia. Rispetto, perché il gioco è probabilmente uno dei migliori dungeon crawler full-coop mai pubblicati. Antipatia, perché la Flying Frog Productions non aveva, al momento del lancio della fortunatissima campagna di crowdfunding, nemmeno sospettato il successo che avrebbe ottenuto. Il risultato è stato un po' spiacevole per i backer: a causa dell'inattesa quantità di stretch goal sbloccati, la FF non è riuscita ad adempiere, a tutt'oggi, all'immenso carico di lavoro. Il gioco base, va tutta via detto, composto di ben due scatole piene zeppe di miniature e tile, fu all'epoca consegnato in tempo.

    Ora la FF ha non solo finalmente confermato che la produzione di tutto il materiale sarà completata entro l'autunno, ma soprattutto ha annunciato il terzo core set del gioco in una mail ufficiale ai backer di Shadows of Brimstone. Stavolta però ci sarà un epocale cambiamento di ambientazione, rispetto al western-horror dei primi due core set.

    Shadows of Brimstone: Forbidden Fortress vedrà infatti la "luce" sulla piattaforma Kickstarter in un non precisato momento del prossimo autunno ("appena completata tutta la produzione di Shadows of Brimstone", parole ufficiali della FF), e pur avendo in comune coi predecessori lo stesso regolamento - e quindi totale compatibilità, sarà ambientato nel Giappone feudale versione fantasy horror (i fan di Onimusha o di Legend of 5 Rings si staranno già leccando i baffi). Molte delle miniature sembrano già pronte e sono state mostrate insieme con tantissimi disegni e concept alla scorsa GenCon. Interessante sembra la presenza di almeno un personaggio "mago", quindi regole della magia probabilmente non molto dissimili da quelle della Fede per il Preacher di Shadows of Brimstone.

    Forbidden Fortress avrà una sola grande espansione, Belly of the Beast (che non era riuscita a vedere la luce nel progetto originale), e poche espansioni minori, almeno a detta della FF, che intende così evitare gli errori fatti con Shadows of Brimstone. I fan del DC attenderanno impazienti l'uscita di questo progetto dall'ambientazione decisamente inusuale e con meccanismi che sono davvero ben oliati e funzionanti. Non ci resta che aspettare per impugnare la nostra katana e metterci a caccia di oni!

  • Dead men tell no tales: avvistata la Skelit's Revenge nei mari italiani

    E’ recentissimo il comunicato da parte di Ghenos che annuncia la prossima uscita della versione italiana di Dead Men Tell No Tales - il cooperativo piratesco a opera di Kane Klenko edito in lingua inglese dalla Minion Games - in cui un manipolo di pirati tenterà in tutti i modi di accaparrarsi il bottino di un vascello fantasma in fiamme.
    Impersonando un impavido personaggio dotato di una speciale abilità, ciascun giocatore dovrà cooperare con i suoi compagni per sgraffignare tutto il possibile dalla nave in distruzione, fronteggiando il fuoco, la ciurma, le ferite e finanche zombi che sbucheranno da ogni botola.
    L’uscita del gioco è prevista per la metà del mese di ottobre. Noi, nel frattempo, corriamo a lucidare le nostre pistole.

  • Square Enix annuncia i cardgame di Final Fantasy in inglese e in italiano

    E’ un fatto lampante che il settore dei boardgame e più in generale dell’intrattenimento tabletop stia arrivando a un tale livello di solidità da cominciare a divenire attraente anche per realtà legate a mondi che, di solito, smuovono numeri ben più massicci.
    Il mercato dei videogames è decisamente uno di questi e, seppur dotato di uno dei più corposi indotti economici in assoluto, è popolato di realtà che non disdegnano sortite oltreconfine.
    Square Enix è una di queste e infatti il player nipponico ha annunciato il lancio di ben due titoli che sfrutteranno brand di loro proprietà.
    Si tratta di Final Fantasy TCG: Opus 1 e di Chocobo’s Crystal Hunt.
    Il primo è gioco di carte collezionabili PvP ( precedentemente disponibile solo in giapponese) ispirato a una delle più famose saghe fantasy videoludiche, che farà il suo esordio in lingua inglese con 3 starter deck (ispirati ai capitoli VII, X e XIII) e numerosi booster pack. Il secondo – anch’esso tratto da uno spin off di Final Fantasy – sarà invece un card game tradizionale che promette rapide partite da 3 a 5 giocatori. L’esordio europeo di entrambi questi titoli è previsto per Settembre (a ottobre negli Stati Uniti).

    L’importanza dell’azienda del sol levante ci porta a ipotizzare che il lancio di questi titoli nel vecchio continente e negli states possa partire sotto i migliori auspici, ma per tirare le somme di questa operazione dovremo tenere per un po’ sottocchio la risposta del pubblico.

    [UPDATE] Siamo stati informati da Cosmic Games, dipartimento di Cosmic Group dedicato ai giochi, che Final Fantasy TCG sarà pubblicato anche in italiano  e distribuito a partire da Novembre. Trovate tutte le informazioni sulla pagina facebook dedicata.

Altre Notizie Flash