Notizie Flash

  • Ludicampania: il 10 e 11 Dicembre Napoli si mette in gioco

    Nel prossimo weekend, il 10 ed 11 dicembre, la bellissima chiesa di S. Domenico Maggiore (in pieno centro storico di Napoli, famoso peraltro per l'arte presepiale) sarà la cornice per un interessante appuntamento a tema ludico: si tratta di Ludicampania, organizzato dalla Tana dei Goblin di Napoli, dall'associazione Chiave d'Argento, e dal Museo del Giocattolo di Napoli.

    Durante questa due giorni ludica, sarà possibile non solo giocare a molti titoli, che spazieranno dai family game ai giochi di miniature, ma anche partecipare a sessioni di gioco di ruolo dal vivo, ad un quiz a premi sul mondo dei giochi (il "Goblinario"), ad una sessione di makeup scenografico, e tornei di combattimento con armi larp, oltre ad un torneo ufficiale di Magic The Gathering.

    Un aspetto che rende questa manifestazione particolarmente interessante nell’offerta dell'affollato calendario eventi di dicembre, è la partecipazione ufficiale di diversi editori e autori di spicco del panorama partenopeo. Proprio quelle figure che si sono affermate nell’industria del gioco nazionale e internazionale saranno protagonisti di una tavola rotonda che al momento vede tra i relatori Mario Barbati (01 Games), Vincenzo Capuano (Museo del Giocattolo di Napoli), Giuseppe De Carolis (Giochi Uniti), Mariano Iannelli (What’s Your Game), Luigi Ricciardi (Giochi Uniti), Sergio Roncucci (Cards & co.) e Nunzio Surace (Greemlin Project).
    Inolre, nel programma è previsto anche un laboratiorio esperienziale sulla valenza socio-psico-educativa del gioco, rivolto principalmente agli insegnanti scolastici.

    Insomma, un appuntamento tutto dedicato ai giochi, ideale per i neofiti e interessante anche per gli appassionati, in una cornice davvero spettacolare che attira ogni anno decine di migliaia di turisti, anche per la vicinanza alla nota strada di S. Gregorio Armeno, uno dei percorsi natalizi più famosi nel mondo. L'ingresso per partecipare a Ludicampania è gratuito, un'occasione da non perdere per i giocatori di Napoli e non solo.

  • Project Field – Sony torna a dire la sua nell'intrattenimento tabletop

    E' un fatto ormai assodato che la commistione tra tecnologia e intrattenimento tabletop stia progredendo inesorabilmente, offrendo sempre nuove e interessanti potenzialità di sviluppo.
    Negli ultimi anni abbiamo assistito alla crescita di titoli supportati (o addirittura guidati) da app per dispositivi mobili, così come a ottime sortite di famosi giochi nel mondo della realtà virtuale e ancora a interessantissime sperimentazioni legate allo sfruttamento dei tablet.
    Anche la Sony, nel 2007, mosse i primi pioneristici passi in questa direzione con il suo The Eye of Judgment: un sistema di gioco che, tramite le sue console di bandiera e la Playstation Eye,  rendeva "vivi"  sullo schermo le creature e gli effetti di un gioco di carte collezionabili (che venivano calate su un apposito campo da gioco, tenuto sotto controllo dalla telecamera). The Eye of Judgment non raggiunse il successo sperato, ma oggi Sony vuole tornare a dire la sua in questo ambito.
    La multinazionale ha infatti da poco lanciato Project Field, una speciale tavoletta dedicata ai card game e dotata di sensori, connettività bluetooth e tutto quanto occorre per essere collegata a normali tablet e smartphone che ospiteranno le app sviluppate ad hoc per i giochi che si vorranno rendere compatibili. Il dispositivo sarà in grado di riconoscere le carte e i loro spostamenti "in game" e, dunque, crediamo potrà offrire un quid di originalità all'esperienza ludica dei titoli che supporterà.
    Al momento del lancio iniziale in Giappone, il dispositivo sarà in grado di supportare il gioco di carte Yo-kai Watch (ispirato al videogioco di ruolo dal quale è stata tratta pure una serie animata attualmente trasmessa anche in Italia), ma purtroppo ancora tutto tace riguardo ogni eventuale versione internazionale.

  • Jamaica: The Crew - arriva la ciurma nella regata di GameWorks

    Con un tweet pubblicato dal proprio account, Bruno Cathala ha mostrato pochi giorni fa il prototipo definitivo per Jamaica: The Crew, espansione del famoso Jamaica realizzata dal designer francese insieme al duo Malcolm Braff e Sebastien Pauchon, edita da GameWorks e prevista per la distribuzione dal prossimo Marzo a opera, immaginiamo, di casa Asmodée.
    In Jamaica: The Crew, i nostri pirati potranno arricchire le proprie imbarcazioni con alcuni speciali membri di equipaggio, assoldabili nei momenti in cui si paga dazio ai porti. Costoro verranno gestiti "in game" esattamente come le altre merci, con la differenza che garantiranno punti a fine partita.
    Jamaica, originariamente pubblicato nel 2007 e successivamente rispampato e localizzato in parecchi paesi (tra cui l'Italia nel 2011 ad opera di Asterion Press), si è conquistato negli anni parecchi apprezzamenti e nomination nelle competizioni internazionali, risulta infatti cuiroso che per veder realizzata una prima espansione del gioco si è dovuto aspettare 10 anni.
    Non rimane che attendere il momento in cui verranno rivelati i dettagli definitivi, in ogni caso non è difficile immaginare già da subito che, nella sua semplicità, questa espansione possa garantire ulteriore abbondante divertimento al già ottimo titolo originale.

  • Wizkids: Star Trek Attack Wing cambia configurazione

    Con un'email agli utenti, la Wizkids ha illustrato la nuova politica editoriale che andrà a modificare uno dei loro titoli di punta, Star Trek Attack Wing. Il gioco, per chi non lo sapesse, è una variante del regolamento usato per X-Wing, che però ha come protagoniste le astronavi del multiverso di Star Trek (ambientazione per diversi altri giochi della Wizkids).

    In breve, le novità saranno le seguenti:

    - è in arrivo un manuale delle regole in formato digitale, che conterrà tutti gli errata, le FAQ e le nuove regole sviluppate nel corso della vita di questo gioco.

    - verranno messi in vendita dei "booster" speciali, che costeranno meno di quelli normali ma non conterranno miniature di astronavi, solo carte e segnalini. Questo per permettere a chi ha navi delle prime Wave o anche più copie della stessa nave di personalizzare ed aggiornare la propria flotta senza dover comprare altri modelli uguali.

    - verranno pubblicati i "faction packs", cioè confezioni contenenti più miniature ma tutte appartenenti ad un'unica fazione, che costeranno ovviamente meno di quanto si spenderebbe comprando le singole navi.

    - la politica di miniature predipinte di miglior qualità, già in via di applicazione (colori più precisi, colori trasparenti, miniature migliori) verrà ovviamente portata avanti come standard per tutta la linea delle prossime Wave di Star Trek Attack Wing.

    - la Wizkids sta sperimentando un sistema che permetterebbe ai giocatori di vedere pubblicate ufficialmente le proprie idee e varianti del gioco. Per quanto ghiotta sia l'opportunità, la casa editrice americana ha specificato che sta ancora lavorando su questo aspetto del progetto di rinnovamento.

    Buone notizie, quindi, per i giocatori di questo interessantissimo gioco di miniature che purtroppo non ha ancora una localizzazione italiana, ma non perdiamo le speranze.

  • HeroQuest 25th si mostra in pubblico a Madrid

    L’epopea rappresentata dalla storia editoriale di questa edizione “celebrativa” dello storico HeroQuest (che, lo ricordiamo, non è ancora giunta a casa dei suoi numerosi giocatori che l’hanno finanziato nel 2014)  da parte della spagnola GameZone giunge oggi a un’importante punto di svolta. Finalmente lo sfuggente editore ha deciso di partecipare a una manifestazione a Madrid,  Expocomic, allestendo uno stand dove farà provare al pubblico la prima versione completamente giocabile di questa produzione tanto attesa quanto discussa.
    Chiaramente dal primo minuto di apertura della fiera gli avventori stanno scattando e postando centinaia di foto dai tavoli demo. La qualità delle miniature sembra in linea con quanto mostrato negli anni, sul fronte del cartaceo invece è stato scelto di non produrre del materiale ufficiale per la demo, ma delle stampe su carta plastificata.
    Riguardo la data di pubblicazione e vendita effettiva del gioco non ci sono ancora notizie certe. Un’immagine messa in circolazione dall’editore parla di Marzo 2017, ma negli ultimi anni annunci di questo genere si sono susseguiti più e più volte quindi è difficile dare credito a quest’ultimo. A tal proposito segnaliamo un goliardico quanto drammatico resoconto cronologico delle vicende degli ultimi 3 anni pubblicato dalla Tana dei Goblin.
    Comunque, la presenza a questo evento pubblico e la disponibilità del boss di casa Gamezone, Dionisio, a relazionarsi con i tanti finanziatori sul piede di guerra, lascia intravedere uno spiraglio di luce in fondo alla più controversa produzione editoriale del mondo ludico. In alternativa, come ci hanno suggerito Klaus, Bob e Marco, sarà divertente continuare a parlarne per ancora tanto tanto tempo…

Altre Notizie Flash