Notizie Flash

  • Giocare il fumetto: Savage Worlds punta agli universi Bonelli

    Il gioco di ruolo si è sempre alimentato delle suggestioni nate da altri media. Sin dall'inizio, la possibilità di ricreare storie viste al cinema o lette sui libri è stato lo stimolo ed il catalizzatore per consolidare l'immaginario collettivo sui cui molti prodotti si basano. Non stupisce quindi che le produzioni ruolistiche abbiano spesso incrociato il loro cammino con altre forme narrative e in special modo il fumetto, vero enzima del fandom. Questi esperimenti nella "golden age" dell'hobby erano spesso frutto di opportunità congiunturali ma oggi le produzioni più ambiziose pianificano attività cross-mediali sin dalle sessioni di brainstorming che precedono lo sviluppo vero e proprio. Non a caso, Nathan Stewart, brand director della Wizards of the Coast, in una recente intervista per il Forbes ha detto che D&D ha da tempo smesso di essere "solo" un gioco di ruolo. Il concetto di tie-in dunque, funziona e lo fa particolarmente bene nel gioco di ruolo.

    Non stupisce quindi, l'indiscrezione raccolta al Modena Play 2015 che vede GG Studio, l'etichetta editoriale licenziataria del gdr Savage Worlds (Gioco di ruolo dell'anno 2014), in procinto di formalizzare una partnership con il più popolare editore di fumetti nostrano, la Sergio Bonelli. L'editore milanese non è nuovo a questi esperimenti, già negli anni '90 due dei suoi più apprezzati personaggi (Dylan Dog e Nathan Never) erano stati oggetto di adattamenti ruolistici (con discreta fortuna), pratica recentemente ripresa con il neonato fantasy Dragonero. Se l'accordo venisse ufficializzato, potremmo aspettarci versioni giocabili di altri universi bonelliani, alcuni dei quali (pensiamo a Zagor, Martin Mystere o il recente Orfani) risulterebbero perfettamente adatti ad essere rappresentati da un gioco di ruolo "pulp" come Savage Worlds.
    Ma le novità non finiscono qui. In occasione della manifestazione modenese, abbiamo avuto modo di parlare con Shane Lacy Hensley, presidente della Pinnancle Entertainment, il quale ci ha rivelato che il prossimo setting per il mercato statunitense di Savage Worlds sarà basato sul fumetto "The Goon", un titolo misto di comicità, violenza e soprannaturale (quindi "pulp" anch'esso) non molto noto in Italia ma che è parecchio apprezzato oltreoceano. 

    Vediamo come evolverà il progetto, che siamo sicuri poterà linfa vitale al mercato dei gdr, dando ai lettori di fumetti la possibilità di accostarsi con facilità a questo hobby, attraverso un regolamento improntato sull'azione semplice e immediato.

  • Bruti - Gipi sceglie il fantasy per il suo gioco di carte

    Giochi e fumetti continuano a incontrarsi per dar vita a nuovi prodotti ludici. Gipi, apprezzatissimo artista toscano, famoso non solo per le sue geniali opere a fumetti ma anche per il coinvolgimento in numerose iniziative legate all’illustrazione, ha recentemente annunciato la produzione di un gioco di carte fantasy medievale intitolato Bruti.
    Bruti ha già raccolto moltissime attenzioni grazie alle belle illustrazioni condivise sul profilo facebook di questo progetto. In una recente intervista rilasciata a Fumetto Logica scopriamo che il gioco sarà prodotto dalla società francese La Bande Destinée, e che la sua realizzazione passerà per una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Ulule che dovrebbe prendere il via nel giro di un mese. L’obiettivo è quello di avere la prima tiratura pronta per la prossima edizione di Lucca Comics & Games.
    Aspettiamo l’inizio della campagna per conoscere ulteriori dettagli sul sistema di gioco, nel frattempo ci godiamo le belle immagini che Gipi sta pubblicando in queste settimane (ci sono anche delle foto dal set dove stanno girando il video di lancio della campagna).

  • Zombicide: Black Plague - lo zombicidio diventa fantasy

    Stufi di abbattere zombi con il vostro shotgun o di dar fuoco ai morti ambulanti con le bottiglie molotov per le strade della vostra città o nel centro commerciale più vicino? Beh, la Guillotine Games ha deciso di deliziarvi con una nuova puntata di Zombicide, ma stavolta niente più scenari apocalittici. O meglio, tanti scenari apocalittici, ma nel medioevo fantasy tanto caro a chi ama D&D!

    Impersonate lo valente paladino, lo possente nano o lo arcano mago, et portate rovina alle orde di morti semoventi (ricordiamo che "zombi" è un termine che col medioevo non c'entra niente) con spada, ascia et misteriosi incantesimi. Salvate lo villaggio locale dalla pestilenza delli defunti ritornati et date la caccia alli Necromanti che hanno responsabilità di codesta piaga discesa sullo vostro mondo!

    Zombicide: Black Plague, su Kickstarter dal prossimo maggio, è una versione rivisitatata del ben noto Zombicide, con un'atmosfera fantasy e personaggi adeguati all'ambientazione, e con qualche regola diversa, tra cui l'introduzione dei Necromancer, difficili da eliminare ma capaci di evocare orde di cadaveri ambulanti. Stesso massacro, ma epoca diversa!

    Zombicide: Black Plague si appresta a portare scompiglio nel mondo del Kickstarter: riuscirà ad eguagliare il record del suo moderno antenato?

  • Gen Con rimane a Indianapolis ma continua la protesta

    La scorsa settimana vi abbiamo riportato la posizione critica assunta da Gen Con, la più famosa convention ludica statunitense, rispetto al noto Religious Freedom Restoration Act, la legge recentemente approvata e firmata dal governatore Mike Pence che permette ai negozianti dello stato dell’Indiana di non fornire servizi a clienti omosessuali per motivi religiosi. A seguito di questa comunicazione, il ceo di Gen Con, Adrian Swartout, è stato raggiunto da centinaia di lettere e messaggi di solidarietà da parte di molti operatori del settore ma soprattutto da parte di parecchi esercenti di Indianapolis (la città dove si svolge la convention) che hanno voluto condividere con lui le stesse preoccupazioni riguardo gli impatti che questa legge potrebbe avere sull’accoglienza del sempre più numeroso e variegato pubblico che ogni Agosto si reca ad Indianapolis per partecipare alla convention.
    In questa seconda lettera rivolta al pubblico, Swartout spiega che è in essere un contratto tra Gen Con e la città di Indianapolis fino al 2020, che l’edizione 2015 è confermata nella medesima location e che le recenti testimonianze da parte della comunità cittadina sono una rassicurazione per chi ha timore di sentirsi discriminato durante i “the best four days  in gaming”, ma aggiunge anche che rispetterà e supporterà pienamente i giocatori che non vorranno partecipare, anche per motivi di principio.
    Ma gli sviluppi non finiscono qui: a quanto pare il governatore Pence ha contattato telefonicamente Swartout, spiegando che le proteste contro questa legge sono basate su malintesi. Ma la Gen Con non condivide affatto questa visione e in questa nuova lettera ribadisce la sua vicinanza al pubblico dei visitatori gay, lesbiche, bisessuali e trans gender che si sentono giustamente a disagio all’idea di raggiungere e viaggiare nell’Indiana.  Per questo motivo la manifestazione ha chiesto al governatore di sostenere un emendamento alla legge che preveda la protezione contro la discriminazione basata sull'orientamento sessuale e l'identità di genere.

    Di fatto Gen Con non può e non vuole cambiare location per quest'anno, ma ha assicurato che se non riceverà rassicurazioni legali riguardo la tutela di questi diritti, ogni piano di espansione nello stadio cittadino e in altri hotel (passo apparentemente indispensabile data la crescita vertiginosa dell’evento) è da considerarsi sospeso.

  • Star Wars: Armada nei negozi e espansioni in arrivo da Giochi Uniti

    Come annunciato da Giochi Uniti, il nuovo gioco di combattimento tra astronavi ambientato nell’universo di Guerre Stellari, Star Wars Armada, è finalmente giunto nei negozi di giochi italiani.
    Nel corso delle ultime settimane Giochi Uniti ha pubblicato diversi articoli che approfondiscono tutti gli aspetti di questa nuova sfida tra capital ship, nell’ultimo ci informa inoltre dell’arrivo previsto per le prossime settimane delle prime espansioni che permetteranno di schierare anche il nuovo Star Destroyer classe-Gladiator e la Fregata d’Assalto Mark II.

    La guerra galattica tra le flotte dell'Alleanza Ribelle e l'Impero ha ufficialmente inizio.

Altre Notizie Flash