Notizie Flash

  • Dalla nave Ghenos si intravede finalmente l'isola dei dinosauri

    Con un rapidissimo annuncio lanciato sulla loro pagina facebook, Ghenos Games ha finalmente ufficializzato per la fine del mese l'arrivo nello Stivale di Dinosaur Island, l'attesissimo titolo di Jonathan Gilmour e Brian Lewis edito in originale da Pandasaurus Games che, fin dalla sua prima apparizione su kickstarter, non ha fatto altro che far parlare ottimamente di sé.
    Nel gioco, da uno a quattro partecipanti si cimenteranno nella realizzazione del miglior parco divertimenti a base di dinosauri, cercando di ricombinare le corrette sequenze di DNA e riportarli così in vita.
    Sapevamo già dalla scorsa Spielwarenmesse che l'editore milanese ci stava lavorando, ma non possiamo nascondere la sorpresa che ci ha generato questa notizia, dato il lungo silenzio al riguardo durante l'anno.
    In ogni caso, l'opera darà certamente il suo contributo nel rendere decisamente interessante il periodo invernale per la casa meneghina che aveva già annunciato il ritorno di Wingspan e l'uscita di Draftosaurus (di Antoine Bauza, Corentin Lebrat, Ludovic Maublanc e Théo Rivière per Ankama).

  • Anche Repos Production si unisce alla galassia Asmodee

    Sempre fedele alla sua rampante politica di scalate, in un'ottica di continua espansione nel mercato, Asmodee ha da pochissimo annunciato l'acquisizione di Repos Productions.
    Anche il celebre editore belga, noto per numerosi titoli campioni di vendite come il fresco vincitore dello Spiel des Jahres Just One, 7 Wonders (Kennerspiel des Jahres 2011), Ca$h 'n Guns, Concept e tanti altri, entra dunque a far parte della "grande famiglia" della multinazionale.
    Entrambe le parti si dichiarano soddisfatte dell'operazione, reputandola la più logica evoluzione delle solide partnership già in piedi tra loro in diversi Paesi, e vedendola foriera di numerose nuove opportunità che certamente potranno scaturire dalle nuove sinergie che verranno a crearsi.
    Contestualmente all'operazione, Cédrick Caumont lascerà Repos e si cimenterà con la sfida di Captain Games, un nuovo design studio indipendente, mentre l'altro co-fondatore della casa del sombrero, Thomas Provoost entra nel gruppo Asmodee come Coordinatore dei vari studios, con mansioni di coordinamento nell'ottica di ottimizzare la strategia editoriale del gruppo.
    Il "nuovo corso" di Repos Production sarà ora guidato da Thomas Vermeir, consulente di lungo corso dell'editore, insieme a Géraldine Volders.
    Insomma, un'operazione decisamente importante per la multinazionale vista l'entità della realtà acquisita (il suo catalogo conta a oggi 55 giochi prodotti e distribuiti in tutto il mondo), che immaginiamo avrà importanti ripercussioni negli equilibri del mercato.

  • Escapenauts - in fuga da mondi fantastici con Quality Games

    Sulle scia del successo ottenuto dalla riedizione di Lex Arcana, prossimo ormai alla consegna ai sostenitori del progetto, Quality Games torna al lavoro su un nuovo progetto intitolato Escapenauts. Si tratta stavolta di un boardgame a firma di Mauro Longo e Andrea Sfiligoi, in cui da due a sei giocatori saranno chiamati a fuggire da misteriosi e variegatissimi mondi generati dall'enigmatica Scatola della Proiezione Astrattiva, artefatto opera degli antichi Creatori.
    L'opera si prefigge di prendere le meccaniche delle escape room da tavolo e arricchirle con un pizzico di roleplay, sfidando i partecipanti a esplorare, risolvere enigmi e affrontare mostri, in sessanta minuti di gioco.
    I piani dell'editore per questo nuovo titolo mirano alla realizzazione di una serie di scatole, tutte indipendenti tra loro, dotate di diverse ambientazioni e con meccaniche sufficientemente snelle per essere adatte a un ampio spettro di pubblico.
    Il primo capitolo di questa collana, Dungeon Break, esordirà su kickstarter il 5 Maggio e porterà gli "Escapenauti" in un profondo sotterraneo di una terra antica e dimenticata.

  • Ryuutama in italiano grazie a Isola Illyon

    La Isola Illyon Edizioni ha annunciato che localizzerà in Italia Ryuutama, il gioco di ruolo "fantasy naturale" ideato da Hatsuiro Okada, che ha raggiunto una popolarità incredibile nel paese d'origine. Grazie a una fortunata campagna Kickstarter di qualche anno fa, Ryuutama ha visto poi un'edizione inglese che l'ha reso noto in tutto il mondo. In Ryuutama, quattro draghi reggono i destini del mondo, e si nutrono di storie vissute dalla gente comune e raccolte da studiosi che poi le portano ai draghi. Questo presupposto permette al gioco di creare davvero qualsiasi storia i giocatori desiderino.

    Ma di cosa si tratta? Per chi ancora non lo conoscesse, Ryuutama è un gdr in cui master e giocatori collaborano per creare un mondo di avventure; ma la cosa più interessante è che l'ambientazione fantasy medievale del gioco si riduce alle poche regole necessarie per creare i personaggi, che saranno non già famosi guerrieri o maghi potenti, ma persone comuni, che però potranno eccellere nell'usare tecniche, o nel combattere, o ancora nell'usare la magia. Al di fuori di queste regole, e di quelle per il combattimento - che è un po' in stile JRPG, cioè con la scelta di stare in prima o seconda linea, e la possibilità di usare il terreno di scontro - tutto il resto del gioco è lasciato alla collaborazione e immaginazione dei partecipanti.

    L'uscita di Ryuutama è ufficialmente prevista per il 3 aprile prossimo, in concomitanza con la manifestazione Play Modena; il manuale uscirà in formato B5 con copertina cartonata e conterà 240 pagine; ma sul webshop di Isola Illyon sarà possibile preordinarlo per averlo nella Journey Edition, al costo di 30 euro con tanto di poster e spese di spedizione gratuite (o ritiro a Modena). Ma affrettatevi perché ne restano solo poco più di 130 copie! Che la storia abbia inizio!

  • Fantasy Flight Interactive chiude i battenti

    Si conclude dopo solo due anni l'esperienza di Fantasy Flight Interactive, ramo dell'editore statunitense dedicato allo sviluppo di videogiochi.
    Con un sintetico comunicato diramato tramite LinkedIn infatti, il direttore Tim Gerritsen ha annunciato la cessazione delle attività il prossimo mese e il conseguente licenziamento di tutti i suoi dipendenti (compreso lui stesso).
    La breve e sfortunata storia della compagine arriva dunque tristemente al termine dopo il rilascio del solo Lord of the Rings: the Card Game, lavoro che tra l'altro non sembra essere mai riuscito a costruirsi una solida fanbase.
    Nonostante ciò, la notizia della chiusura arriva tutto sommato inaspettata: non c'erano sentori della piega che avrebbe preso la questione, tanto più che nel comunicato più recente rilasciato dalla software house, datato 16 Dicembre, si annunciavano nuovi contenuti gratuiti per il loro titolo.
    È probabile che nei prossimi giorni conosceremo il destino del gioco; i dati di utilizzo del videogame sembrano suggerire che i relativi server saranno spenti, ma non disperiamo in una decisione diversa da parte di Asmodee Digital.

Altre Notizie Flash