Anteprime: Megaland: Un platform di carte e token

Megaland, nuova idea della coppia Ryan e Malorie Laukat (Above and Below, Near and far, Empires of the void, Islebound, Otto minuti per un impero) che verrà pubblicata dalla Red Raven Games a fine 2018 in esclusiva per la catena Target in USA e con una normale distribuzione altrove, promette di portare da 2 a 5 giocatori in un'atmosfera ispirata ai videogiochi platform, dove con l’uso di carte, token e un po’ di fortuna, ogni personaggio affronterà i diversi livelli di quel mondo per conquistarne i tesori, ottenere monete e vincere la partita.




Il prodotto è presentato come un push your luck, ossia un gioco dove i partecipanti, per vincere, dovranno tentare la sorte, cercando di trarre il massimo da essa nei diversi livelli da esplorare. La grafica possiede quel tratto distintivo tipico di Above and Below e Near and Far - d'altronde ai pennelli troviamo ancora una volta Ryan - ma vediamo più da vicino come funzionerà.
Il setup, da regolamento, è semplice. Si prepara il mercato composto dalla tessera cuori, che indica il costo della “salute” extra acquistabile, e da 13 tipi di edifici diversi, ciascuno identificato da un mazzetto di carte, riportanti ognuna il costo in alto a sinistra, indicato da un numero in un esagono, e in basso il suo effetto. Sei tipi di edifici hanno anche una stella in alto a destra e sono quelli fissi, ossia quelli utilizzati obbligatoriamente in ogni partita; i restanti 7, invece, sono variabili, e vanno scelti volontariamente o casualmente tra i 17 disponibili.
Sotto al mercato si dispongono il mazzo dei tesori e quello dei livelli, entrambi coperti, con accanto la tessera livello. È importante che quest’ultima abbia un po’ di spazio libero intorno, perché al suo fianco verranno poste le carte livello scoperte, man mano che i giocatori esploreranno il mondo di Megaland. Nella riserva comune si mettono poi i token cuore, quelli salto (rappresentati da una freccia curva) e le monete.
Infine, ciascun partecipante riceve un segnalino personaggio, la propria carta giocatore, divisa in due sezioni, e 4 token cuore che andranno nella parte sinistra di quest'ultima. Chi più di recente ha giocato a un videogioco sarà il primo giocatore.

Comincia così la partita: ogni round si articola in tre fasi, “Affronta il livello” (Run the level), “Acquisti” (Buy) e “Notte” (Night). Non esiste un numero di round predefiniti, perché il gioco termina nel momento in cui uno o più giocatori, alla fine della terza fase, hanno almeno 20 monete: a quel punto si contano e chi ne ha di più è il vincitore.
La prima fase, come dice il nome, vede i giocatori avventurarsi per uno dei livelli possibili del mondo di Megaland. Ciascuno piazza il proprio segnalino sulla tessera livello, pesca una carta tesoro dal mazzo, la guarda e la tiene coperta sopra la propria carta giocatore, dopodiché il primo di turno scopre la prima carta livello e la pone accanto alla tessera.

Ogni volta che viene rivelata una nuova carta livello, se ne applicano gli effetti, dopodiché ciascuno può decidere di continuare l’esplorazione o di ritirarsi. Se un giocatore rinuncia, riprende il proprio segnalino dalla tessera livello e mette tutti i tesori conquistati sotto la sua carta giocatore, a indicare che sono stati portati al sicuro. Se invece opta per proseguire, pesca un’altra carta tesoro e aspetta che tutti gli altri giocatori abbiano deciso cosa fare, dopodiché ancora una volta si scoprirà una nuova carta livello e se ne applicheranno gli effetti.
Chiaramente, vista la tipologia di effetti possibili, rimanere e tentare la sorte o ritirarsi accontentandosi dei tesori trovati, è una scelta da fare in maniera molto attenta: se, infatti, un giocatore decide di rischiare rimanendo nel livello, pesca sì un’altra carta tesoro, aumentando il proprio bottino, ma se viene sconfitto (ovvero ridotto a zero token cuore) da un mostro che potrebbe comparire successivamente, deve scartare tutti i tesori trovati fino a quel momento e non può più continuare l’esplorazione. Quando tutti i giocatori sono sconfitti o si sono ritirati, la fase di esplorazione termina e inizia quella successiva.
Le carte livello - 10 in totale - come immaginabile possono contenere vari elementi e in particolare un luogo vuoto, lo scrigno (treasure chest), un mostro o il coniglio.
I luoghi vuoti, ovviamente, non producono effetti; Lo scrigno, invece, consente a ciascun giocatore di pescare immediatamente una carta tesoro; i mostri fanno perdere tanti token cuore quanti sono i teschi raffigurati (da 1 a 3), spostandoli dalla parte sinistra alla parte destra della propria carta personaggio, a meno che non sia riportato il simbolo del segnalino salto (cioè la freccia curva) cosa che indica che i giocatori possono spendere un token, se in loro possesso, per saltare l’incontro ed evitare i danni; la carta coniglio, infine, produce due effetti diversi, da risolversi necessariamente in quest’ordine: prima infligge un danno a tutti i personaggi, dopodiché, chi è ancora vivo, può decidere di commerciare con il coniglio: dandogli, infatti, 3 carte tesoro “carota” – solo 3, né più, né meno – il coniglio ci farà pescare altrettante carte tesoro.
I tesori rappresentano i 6 tipi di risorsa sparsi per i livelli di Megaland (carote, pietre, cristalli, uova, pesce e ingranaggi) e sono fondamentali per la fase “Acquisti”: sono infatti la valuta con cui pagare il costo dei miglioramenti presenti nel mercato, che potranno essere acquistati in detta fase. Come anticipato, i miglioramenti sono costituiti da edifici o cuori extra. Cominciando dai primi, al costo di un numero di risorse diverse indicato sulla carta, si potranno acquistare effetti utilizzabili o una sola volta a partita (ad es. “ottieni 2 monete” oppure “ottieni 1 moneta e due token salto”), oppure ogni volta che ricorreranno le condizioni specifiche (ad es. “Se vieni sconfitto, puoi tenere una carta tesoro anziché scartarle tutte” o “Quando compri un edificio, puoi usare le carte uovo come se fossero di qualunque tipo”), o ancora in entrambi i casi (ad es. “Ottieni immediatamente 7 monete. Inoltre, se durante l’esplorazione incontri il Serpente rosso, ottieni immediatamente due monete anche se vieni sconfitto”). Alcune carte edificio, infine, hanno anche un simbolo luna accanto al testo, il che indica che l’effetto descritto si attiverà solo nella terza fase, quella “Notte”.
Per comprare i cuori, invece, vale la regola opposta, ovvero che il valore indicato sull’apposita tessera indica il numero di risorse uguali da dover spendere. Una volta acquistato, il cuore rimarrà permanentemente sulla carta giocatore, aumentando la “vita” del personaggio per tutta la durata della partita, molto similmente a quanto accade nei videogiochi.
È bene specificare che i giocatori potranno effettuare un solo acquisto, prima di passare alla terza fase. Se non vogliono o non possono comprare, è possibile anche semplicemente passare. Una volta che tutti hanno svolto il proprio turno, la seconda fase termina e si apre la terza.

Durante la “Notte”, il segnalino primo giocatore andrà al giocatore successivo in senso orario, e si dovranno scartare tutti i tesori non utilizzati nella seconda fase. Tuttavia, per ogni edificio costruito, sarà possibile tenere una carta tesoro per il prossimo round, ponendola sotto la carta edificio stessa. Dopodiché si applicano gli effetti degli edifici col simbolo della luna, ogni giocatore ripristina al massimo la vita del proprio personaggio rimettendo tutti i cuori sul lato sinistro della carta, compreso quello eventualmente appena acquistato, e si rimischiano le carte livello. Se, però, uno o più giocatori possiedono almeno 20 monete alla fine di questa terza e ultima fase, come detto, la partita termina e chi ne ha di più sarà il vincitore.

A quanto abbiamo potuto apprendere dalla sola lettura del regolamento, il prodotto appare semplice nelle meccaniche e rapido nella preparazione della partita, e anche la conta finale delle monete non sembra un'azione tanto laboriosa che possa far perdere tanto tempo ai giocatori. La grafica, pur mantenendo quel tratto tenue e onirico di Laukat, sembra comunque adattarsi discretamente al tipo di gioco, e la presenza di numerosi tipi di edifici pare garantire un buon ventaglio di alternative per giungere alla vittoria, oltre a una discreta varietà delle partite. Ovviamente è presto per emettere giudizi di sorta, ma la curiosità di conoscerlo meglio ormai è stata accesa. Restiamo quindi in attesa di poter esplorare questo nuovo mondo di avventure sul nostro tavolo, magari in versione italiana.