Primo piano: Fiera di Norimberga 2017: tecnologia e innovazione alla Spielwarenmesse

Inizia domani e proseguirà fino al 6 febbraio la sessantottesima edizione della Spielwarenmesse, la fiera del giocattolo di Norimberga. Il principale evento mondiale dedicato all’industria del gioco, del giocattolo e del modellismo è ormai un momento fondamentale anche per gli appassionati dell’intrattenimento tabletop: la prima occasione dell’anno in cui operatori del settore provenienti da tutto il mondo definiscono le partnership per avviare le produzioni che arriveranno sugli scaffali nel corso del 2017.

Il numero di editori di boardgame presenti in fiera continua ad aumentare anno dopo anno (arrivando persino a travalicare i consueti spazi dello storico padiglione 10) e, insieme a loro, anche le novità editoriali che vengono presentate in anteprima mondiale. Poteva forse la nostra redazione esimersi dal recarsi anche quest’anno nella piacevole cittadina tedesca?




L’edizione 2017 della Spielwarenmesse punta sicuramente l’attenzione sull’innovazione tecnologica, tanto che nel padiglione 4A è prevista una nuova area denominata Tech2Play: una zona dove sarà possibile scoprire le ultime novità in termini di integrazione tra gioco tradizionale e tecnologia, con il meglio della robotica destinata all’attività ludica, i giochi che si avvalgono della realtà virtuale e i più recenti e veloci droidi da corsa.

Ma, a giudicare dalle indagini condotte durante tutto l’anno dagli esperti nominati dalla fiera, non sarà l’integrazione tecnologica uno dei trend che detteranno legge sui mercati nei mesi a venire. Tre, invece, sembrano essere le tendenze identificate dalla commissione per il 2017: Body & Mind, la ricerca dell’equilibrio tra rilassatezza del corpo e serenità della mente attraverso il gioco; Girl Power, giochi utili ad aiutare le ragazze a trovare la propria identità e identificare la professione dei loro sogni; Swap & Collect, il ritorno in auge della pratica della collezione e dell’interazione attraverso lo scambio.

Verificheremo di persona se questi leit motiv troveranno riscontro anche nel settore boardgame ma, ancor prima di questo, andremo come da nostra abitudine a scoprire le novità che gli editori stanno preparando per noi. Tra i titoli più attesi provenienti dall’estero confidiamo sicuramente di poter toccare con mano novità come Valletta di Hans Im Gluck, Yamatai a marchio Days of Wonder, Mountains of Madness nel catalogo Iello, Diceforge a cura di Libellud, Oh Captain! grazie a  Ludonaute o Solaris della Queen Games.
Non parliamo però solo degli operatori internazioni, ma anche e soprattutto dell’industria ludica nostrana, una delle più presenti a Norimberga, a ulteriore dimostrazione del crescente interesse che il mercato italiano sta riscontrando a livello Europeo. Le novità del "made in Italy" alla Spielwarenmesse hanno già acceso parecchio entusiasmo tra i giocatori di tutto il mondo e, per citare qualche titolo, ci sono sicuramente alte aspettativa per Admiral of the Black di Cranio Creations, Alone di casa Horrible Games o Warstones edito da Red Glove.

Il 2016, lo ricordiamo, è stato veramente un anno intenso per il mondo ludico, un anno segnato dai record di nuove uscite, da acquisizioni e grandi manovre, dalle sperimentazioni di marketing per il raggiungimento di un pubblico sempre più vasto e sempre meno specialistico. Ed era proprio a Norimberga che avevamo raccolto i primi segnali positivi di questo periodo propizio, a partire dalle profetiche parole di David Doust “…questa è l’età dell’oro per il mondo del gioco…”
Le aspettative sono quindi elevate, ci attende una Spielwarenmesse emozionante, che non mancheremo di raccontarvi sui nostri canali social (twitter, facebook e google+) durante i prossimi 5 giorni. Seguiteci alla scoperta dello spirit of play di Norimberga 2017!