Primo piano: Geekbox, Raven King e Sapphire - Il made in Italy degli accessori di gioco

Siamo sempre molto attenti a cogliere quei segnali che concretamente confermano la maturità del nostro settore in Italia, ed è quindi con grande piacere che a cavallo dell’estate abbiamo appreso da ben tre importanti case editrici nostrane la volontà di lanciarsi nella produzione di accessori dedicati alla protezione dei componenti dei nostri amati giochi! Ora che abbiamo avuto modo di metterci le mani sopra, condividiamo le nostre impressioni relative a tre interessanti prodotti reperibili sul mercato in questi giorni: le Raven King bustine protettive della Raven Distribution, le Sapphire Sleeves della Red Glove e le Geekbox della dvGiochi.
Se nei primi due casi è evidente che stiamo parlando delle tanto discusse bustine trasparenti per la protezione delle carte dei giochi, nell’ultimo si tratta di un prodotto del tutto originale, destinato a conservare counter e segnalini vari. Vediamo le caratteristiche di ognuno di essi. 




Raven King bustine protettivedella Raven
Confezioni in formati vari da 100 bustine
Prezzo al pubblico: € 2,80

Raven ha iniziato a proporre una sua serie di bustine protettive per le carte, le Raven King. Vediamone insieme le particolarità.

Materiale: iniziamo subito col dire che si tratta di sleeve in polipropilene, materiale principe nella realizzazione di questo genere di prodotti per le sue caratteristiche di impermeabilità, resistenza a muffe, batteri e agenti chimici, rigidità e alto punto di fusione. Il materiale usato è anche dichiarato acid free – no PVC, altra caratteristica fondamentale visto che gli acidi possono attaccare le carte danneggiandole.
Si tratta di qualità che sono standard nei migliori prodotti e che dimostrano che queste bustine non sono da meno.
Spessore: in termini di calibro, le sleeve Raven sono della stessa categoria di quelle standard della Mayday Games, anche se le Raven sembrano leggermente più spesse, e questo conferisce loro un piccolo vantaggio in termini di protezione, soprattutto se si considera che la trasparenza, valutata a vista,  sembra essere del tutto equivalente.
Taglio: altro punto di vantaggio rispetto alle Mayday è nella cucitura a caldo dei lati, che nelle Raven è più netta e pulita a parità di resistenza (abbiamo sottoposto entrambe a una tensione manuale di notevole forza senza causare la rottura dei campioni provati).
Package: infine, la stessa bustina ziplock che contiene il pacchetto delle 100 sleeve Raven risulta più resistente e qualitativamente migliore.
Dalla Mayday, le Raven King mutuano il codice colore per le dimensioni, vale a dire che i colori usati per i pacchetti della casa americana sono stati adottati anche dalla nostrana Raven, probabilmente per indirizzare più facilmente i giocatori nell’acquisto del giusto formato.
Formati: quelli attualmente disponibili sono cinque: 63,5x88mm. (Green), 56x87mm. (Purple), 57,5x89mm (Orange Standard USA), 45x68mm (Light Blue Mini Euro), 41x63mm (Yellow Mini USA).
Noi abbiamo avuto modo di provare il formato green e quello purple.
Prezzo: va dato atto alla casa ravennate di aver predisposto l’offerta di un prodotto di tutto rispetto, e sebbene la valutazione si debba basare su dettagli appena percepibili, va considerato che questi diventano determinati se si pensa che il prezzo di listino consigliato è perfettamente paragonabile a quello della sua concorrenza internazionale



Sapphire Sleeves della Red Glove
Confezioni in formati vari da 100 bustine
Prezzo al pubblico: €
 
Le Sapphire Sleeves rappresentano l’offerta della Red Glove rivolta a coloro che vogliono garantire una protezione più consistente alle proprie carte. Come vedremo, presentano caratteristiche decisamente interessanti.

Materiale: anche queste sleeve sono in polipropilene, acid free – no PVC sebbene queste indicazioni non siano state riportate sulla confezione (l’editore, da noi interrogato al riguardo, le considera uno standard minimo di prodotto, e quindi ritiene pleonastico precisarlo).
Spessore: come i nostri lettori ben sanno, la disponibilità di formati e qualità di materiali è in questo settore veramente molto ampia, e ogni appassionato ha la sua preferenza al riguardo. In particolare, rispetto allo spessore del foglio plastico da cui si ottengono le bustine esistono due scuole di pensiero diametralmente opposte: la prima opta per una bustina più sottile, meno protettiva ma maggiormente avvolgente, l’altra preferisce delle bustine più robuste e spesse accettando, in cambio della maggiore protezione, un aumento significativo dell’altezza del mazzo di gioco.
Nel primo caso si tratta in genere di fogli dallo spessore di 4 micron, mentre nel secondo caso si passa al doppio del valore, 8 micron.
Red Glove ha scelto di proporre una soluzione intermedia, quale punto di forza della propria offerta destinata a incontrare il gusto di entrambe le fazioni! Infatti le Sapphire Sleeves hanno uno spessore di 6 micron che le rende percepibilmente più resistenti delle bustine di tipo standard ma più sottili di quelle di tipo premium.
Rispetto alle solite standard sleeves della Mayday Games, le Sapphire sono decisamente più rigide e robuste, sebbene in termini di trasparenza risultino leggermente (ma molto leggermente) più opache, con un sottile punto di azzurro.
Taglio: anche le Sapphire presentano un taglio nettissimo e una saldatura veramente resistente (le abbiamo sottoposte allo stesso stress di tensione delle altre), caratteristiche che unite allo spessore superiore le rendono (a mio parere) molto più interessanti delle concorrenti americane.
Package: la bustina ziplock che contiene il pacchetto delle 100 sleeve Sapphire risulta qualitativamente molto simile a quella delle Mayday, e in questo caso la cover cartacea usa per molti formati (ma non per tutti) lo stesso codice colore della ditta americana.
Formati: altro punto di forza delle Sapphire è l’ampia offerta di formati disponibili, ce ne sono ben 10, divisi per tre categorie di prezzo:
- tre mini, 45x68mm (Light Blue Mini Euro), 41x63mm (Yellow Mini USA), 43x65 (Red Mini Chimera)
- quattro standard, 63,5x88mm. (Green), 56x87mm. (Purple), 57,5x89mm (Orange Standard USA), 59x92 (Azure).
- tre grandi, 80x120 (formato Dixit), 61x112 (formato Vudù), 65x100 (formato 7 Wonders).
Noi abbiamo avuto modo di provare il formato Green e quello Yellow Mini USA.
Prezzo: ulteriore punto di forza delle Sapphire è il loro costo, differenziato in tre fasce: le Mini vengono € 2,50, le standard € 2,80 e le grandi € 3,50.
Si tratta di prezzi assolutamente concorrenziali, soprattutto per i formati piccoli e grandi, sia per il maggior spessore del materiale usato.

 

Geekbox della dvGiochi
Confezione da 3 scatoline
Prezzo al pubblico: € 2,49

Quanti di voi, per raccogliere le pedine, i segnalini, i blocchettini di legno e i counter vari dei propri giochi hanno cercato di usare contenitori alternativi alle tradizionali bustine ziplock? Perché, se da un lato le bustine con la cerniera risultano comode (e assai economiche) per mettere a posto i vari pezzi a fine partita, dall’altro ogni volta che si deve fare il setup costringono a rovesciare sul tavolo tutto il contenuto per trovare quanto serve. Se poi sono necessarie delle riserve da cui prendere pezzi durante la partita, ecco formarsi mucchi in giro per il tavolo. Come migliorare questa situazione, offrendo un contenitore in grado di essere facilmente rovistato e passato tra i giocatori, sicuro nella chiusura e pratico nella conservazione? Questo deve essere stato l’intento dei designer delle Geekbox, appositamente studiate con questo scopo. Vediamone le caratteristiche salienti.
Dimensione: le Geekbox misurano 7x7x3 cm, un perfetto sottomultiplo dell’interno delle scatole standard (tipo Agricola o Twilight Struggle, per intenderci!); in questo modo se ne possono affiancare tre lungo il lato corto, bloccandole saldamente.
Sicurezza: il coperchio si incastra con un percepibile scatto, rendendo la scatolina perfettamente al riparo da aperture indesiderate durante il trasporto.
Usabilità: è uno dei punti di forza delle Geekbox, la base della scatolina presenta una sensibile svasatura verso l’esterno, rendendo la base di appoggio assai salda e in grado di ridurre notevolmente il rischio di ribaltamenti involontari con conseguente spargimento del contenuto.
Ergonomia: la dimensione rende le scatoline manipolabili da chiunque, adulto o bambino, e il coperchio presenta una sagomatura a incasso (formata da una cornice perimetrale e una grossa X al centro) che si incastra perfettamente con il relativo rilievo della base, permettendo di impilare in sicurezza più scatoline, che vogliate ridurre lo spazio occupato sul tavolo, o le vogliate passare al vostro vicino oppure incastrare di lato nella scatola.
Struttura e materiale: è forse l’aspetto più controverso delle Geekbox: prendendole in mano non si percepisce la solidità tipica delle scatoline alimentari (tipo quelle dei formaggini, per intenderci, oppure delle Tupperware). Le Geekbox sono realizzate con una plastica più sottile (simile a quella dei termoformati da edicola) ma presentano una struttura decisamente particolare: piuttosto che offrire spessore del materiale, si è preferito raddoppiare i bordi! Infatti questi sono ripiegati su se stessi, come accade per il colletto di una camicia; in questo modo è stato possibile stampare l’esterno dei bordi con un margine ripiegato in fuori, aumentando così la base di appoggio e quindi la stabilità del tutto. Inoltre, l’uso di un simile materiale sembra offrire, alle nostre prove, altri due vantaggi: l’estrema leggerezza (il peso delle scatoline non incide minimamente sul peso complessivo della scatola in cui verranno riposte) e la resilienza (abbiamo fatto cadere più volte una geekbox piena di blocchetti dall’altezza di un tavolo e in una sola occasione si è aperta, mentre per il resto delle volte, si è limitata a rimbalzare mantenendo al sicuro i blocchetti di legno in essa contenuti, senza rompersi né rovinarsi).
L’unico neo rispetto alla concorrenza delle bustine ziplock è il costo, poiché è improbabile che una sola confezione di tre Geekbox sia sufficiente a contenere tutti i pezzi di un gioco importante.
In ogni caso, si tratta di un prodotto veramente ben pensato (frutto di vere menti geek!) che può risultare indispensabile per tutti quei giochi che amate particolarmente e che volete utilizzare al massimo della loro praticità.
Per tutti gli altri, se volete risparmiare, potete sempre continuare usare le ziplock!