Primo piano: Massive Darkness: Anche Cool Mini or Not si da al dungeon crawling

Da qualche tempo si vociferava in rete di un possibile nuovo gioco del team di Zombicide, ed in effetti dopo la virata “fantasy” del noto titolo di casa Guillotine Games in molti avrebbero scommesso (ed in molti più ci speravano) in un dungeon crawler. Qualche settimana fa, finalmente, la Cool Mini or Not ha ufficializzato la ormai prossima campagna di crowdfunding per Massive Darkness, un dungeon crawler completamente cooperativo ed ideato dagli autori del fortunatissimo Zombicide. Nel corso dello scorso weekend, durante il CMON Expo 2016 , sono stati rilasciati i primi dettagli su questo atteso nuovo titolo, che il sito Tabletop Gaming News ha raccolto in un ricco reportage…




La campagna kickstarter per Massive Darkness è in arrivo a breve, e va detto subito che il gioco già a buon punto per quanto riguarda regole e componenti base, quindi gli eventuali backer possono sperare in tempi di consegna non lunghissimi. È un dato di fatto che una versione demo di Massive Darkness è stata mostrata durante la CMON Expo 2016 (6-8 maggio), e naturalmente l’eccellente casa editrice ha dedicato un intero panel a questo nuovo gioco di prossima uscita sulla piattaforma Kickstarter. La platea radunata per l’occasione era chiaramente composta da gamer esperti, quindi la presentazione si è focalizzata parecchio sugli elementi caratteristici del gioco ancor prima che sull’ambientazione o sugli eventuali legami con altri titoli. Comunque dalle immagini, i componenti e le miniature mostrate (tutto in forma prototipale) è chiaro che le avventure dei nostri eroi si svolgeranno nel più classico dei mondi fantasy, ricco di goblin, orchi, coboldi, demoni e via dicendo.

Massive Darkness sarà quindi un dungeon crawler che alla CMON definiscono “moderno” (probabilmente riferendosi al fatto che si tratta di un full coop), pieno zeppo di miniature – come da tradizione per la maggior parte delle uscite CMON, le cui avventure saranno giocabili con mostri sempre diversi (e presumibilmente personaggi diversi sbloccati durante il futuro KS), il che va ovviamente a vantaggio della rigiocabilità.

La struttura del gioco non sembra offrire particolari innovazioni, ma d’altro canto pare assicurare un bel po’ di divertimento agli amanti del genere (e non solo) grazie alle attenzioni che sono state dedicate alla parte di personalizzazione e sviluppo dei personaggi.
Ciascun giocatore impersonerà almeno un eroe tra i sei per ora mostrati, ma ogni personaggio verrà definito da un’abilità speciale personale, che sarà unica per ciascun eroe. A questa abilità andrà aggiunta un’altra abilità di classe – sarà quindi possibile partire dai classici archetipi (mago, ladra, elfa arciere, nano guerriero, barbaro, etc.), ma definire ogni volta il proprio personaggio in maniera differente: a quanto pare non ci saranno limiti di combinazione tra eroi e classi, anche se ogni eroe avrà la sua “classe preferita”. Ciascuna classe sarà dotata anche di una “mossa speciale personale”, e con l’avanzare dell’esperienza i personaggi potranno acquisire altre abilità lungo dei veri e propri alberi delle abilità. Oltre alle abilità, i personaggi potranno trovare equipaggiamenti, armi ed artefatti, ed addirittura riconvertire alcuni pezzi di equipaggiamento (per esempio riforgiare armi vecchie in armi migliori).

  

Gli eroi si muoveranno su mappe modulari componibili, e man mano che una stanza viene aggiunta alla mappa si scoprono mostri ed eventuali altri “arredi” della nuova locazione. Ci saranno inoltre carte evento che aggiungeranno eventuali mostri erranti (forse creando situazioni alla Zombicide), per cui potremmo anche vedere scontri campali tra orde di mostri e solitari eroi, anche perché a quanto pare i mostri avranno a disposizione nel proprio turno tre azioni: due di movimento ed una di attacco qualora avessero un bersaglio. I mostri “normali” sono guidati dai Guardiani, che sarebbero una sorta di boss; inoltre, i Guardiani possono avere oggetti speciali in dotazione, ed essere in grado di usarli (naturalmente, una volta eliminato il mostro l’oggetto passa ai personaggi…). Gli scontri saranno gestiti tirando i dadi, e ci sono 4 tipi di dadi diversi per l’attacco e 4 per la difesa. I giocatori tireranno insieme dadi attacco e difesa in diverse combinazioni, quindi i combattimenti si risolveranno con un unico tiro di dadi. I dadi possono anche attivare abilità o incantesimi speciali qualora diano determinati simboli come risultato del tiro.

Questo è quanto “trapelato” nelle ultime ore su Massive Darkness, che ha già creato un hype altissimo, e che lascia intravedere un altro successo tra i progetti della CMON. Va detto, infine, che gli stampi per le miniature sono in buona parte già pronti, e quindi possiamo aspettarci una campagna di finanziamento davvero di fuoco. Aspetteremo dunque l’inizio di questa nuova avventura CMON, e speriamo di poter effettuare presto una prova su strada di queste massicce tenebre! Massive Darkness, a breve in arrivo nei vostri regni!

Le foto usate in questo articolo provengono dalla pagina facebook di Cool Mini Or Not, trovate molte altre foto delle miniature e dei componenti nel report di Tabletop Gaming News.