Interviste: Cinema! Il nuovo GDR Luca Giuliano è pronto per i test.

Esattamente un anno fa, durante una videointervista esclusiva, vi avevamo informati in anteprima che Luca Giuliano stava lavorando su un nuovo gioco di ruolo. Oggi, a sedici anni dall’uscita di On Stage! possiamo confermare la notizia! Al prossimo Giocaroma (e più esattamente, il pomeriggio di domenica 11 settembre) Luca Giuliano inizierà i primi test pubblici del nuovo gdr dedicato al mondo del cinema (sarà per questo che il suo titolo provvisorio è proprio Cinema!).
Tutti i dettagli che siamo riusciti a strappargli sono riportati nell’intervista scoop che segue! Leggete e saprete…




Gioconomicon: Ciao Luca, l'anno scorso, durante una nostra intervista a Giocaroma prendesti l'impegno di presentare nell'edizione successiva la versione prototipale del tuo nuovo gioco di ruolo sul mondo del cinema. Siamo ormai arrivati alla fatidica data... che ci dici?
Luca Giuliano: Non ci credo nemmeno io, ma sono riuscito davvero a mantenere la promessa! L'anno scorso avevo appena abbozzato un'idea e una base di meccaniche di gioco. Ci ho lavorato soprattutto quest'estate in cui avevo un po' di tempo per riflettere e ora il gioco di ruolo c'è.
Ha bisogno ancora di aggiustamenti e rifiniture che possono derivare solo dai test e dalle prove pratiche. Però, c'è. Diciamo che è alla versione 2.0.

GN: Fantastico! Allora visto che i partecipanti a Giocaroma avranno modo di vedere il frutto delle tue ultime fatiche creative, vuoi anticiparci qualche aspetto?
LG: Sì, certamente. L'impianto generale è quello di un gioco di ruolo in cui si gioca con il linguaggio cinematografico. Non c'è il direttore di gioco, il master. Però è molto "regolato". Per prima cosa va detto che i giocatori interpretano i ruoli più tipici del cinema: sceneggiatori, regista e attori. In una prima fase scelgono il soggetto, mettono su la produzione e poi iniziano a girare le scene con dei veri e propri ciak.

GN: Che tipo di relazione esiste (se esiste) tra questo tuo nuovo gioco e il tuo precedente On Stage!?
LG: C'è uno stile che è riconoscibile, almeno credo. Qualcosa in comune nella scansione delle scene da girare. Sicuramente, come in On Stage! si simula la narrazione teatrale, qui si simula la narrazione cinematografica. On Stage! è orientato al dramma e al conflitto tra i personaggi del dramma. Cinema! è orientato all'azione ed è basato sulle interazioni spesso conflittuali tra i ruoli sul set. Mi sa che ho già detto troppo… lasciamo un po' di sorpresa!

GN: Molti giocatori italiani di GDR indie ti considerano uno dei padri spirituali del genere (o quantomeno uno dei primi sperimentatori del suo paradigma)… e anche all’estero sei noto in questo senso. D’altro canto tu stesso hai sempre mostrato interesse verso questa recente tendenza dei giochi di ruolo. Cinema! è in qualche modo classificabile in quest’ambito?
LG: Cinema! si rivolge al giocatore che ha voglia di sperimentare e che ama il B-movie. È sicuramente un GDR classificabile come indie. Però c'è anche qualche influenza jeepform. Per carità, non vorrei urtare la sensibilità degli appassionati di questo genere, che a me piace molto tra l'altro. Cinema! hai i dadi e le regole, ma non servono a simulare le azioni. C'è un impianto narrativo forte e l'interpretazione - come nel jeep - non è interrotta dalle meccaniche di gioco.

GN: A che livello di completamento valuti il tuo nuovo titolo?
LG: Credo che ai fini della giocabilità (avendo fatto qualche "pre-test") potrei considerarlo completato al 75%.

GN: Stai già analizzando collaborazioni con possibili editori, o sei ancora totalmente concentrato sul progetto?
LG: No, per ora non penso in termini di pubblicazione. Mi sentirei costretto da esigenze produttive, per esempio sui materiali. E, in questo momento, preferisco sentirmi completamente libero come lo sono sempre stato finora.

GN: Visto che l'anno scorso azzardasti una data per il prototipo... e l'hai pienamente rispettata, te la senti di azzardare una data per il completamente del titolo (ovviamente per la pubblicazione la parola spetterà poi al suo editore)?
LG: Se penso a come è andata in passato, al fatto che ora (con la ripresa degli impegni universitari) avrò meno tempo da dedicarci e alla necessità di sottoporlo a test alla cieca, credo che potrebbe essere completo per la pubblicazione tra un anno.

Grazie a Luca per il tempo concessoci e per i dettagli che ci ha svelato in anteprima.

E voi… che volete fare? Aspettare un altro anno o venire a Giocaroma e approfittare di questa splendida opportunità di essere tra coloro che potranno dire: “L’ultimo gioco di Luca Giuliano? Io l’ho provato l’anno scorso!”?

( foto tratta dalla galleria di GiocaRoma 2010 )